Coronavirus, incidenti stradali diminuiti nel 2020

La riduzione della mobilità a causa della pandemia ha portato a un calo degli incidenti stradali in Italia

L’effetto Coronavirus ha influenzato in maniera significativa l’attività operativa della Polizia Stradale nel corso di tutto il 2020. I numeri parlano di un drastico calo degli incidenti: se nel 2019 erano stati 73.496 i sinistri registrati in tutta Italia, nell’anno appena trascorso, condizionato da una mobilità ridotta a causa della pandemia, sono scesi a quota 51.103.

I blocchi alla circolazione dei veicoli imposti a causa della diffusione del Coronavirus hanno influito in maniera negativa sul mercato delle auto e sulle nuove immatricolazioni. Al tempo stesso, uno dei pochi effetti positivi della pandemia è il netto calo di incidenti stradali, naturale conseguenza di una mobilità sempre più ridotta.

L’infortunistica ha subito una sensibile diminuzione alla luce dei divieti imposti per prevenire la diffusione del Covid-19. Contestualmente sono aumentati anche i controlli nelle zone rosse. Dal 1 gennaio al 27 dicembre del 2020 la Polizia Stradale in Italia ha effettuato 1.439.339 di controlli, quasi equamente divisi tra viabilità autostradale ed ordinaria. I controlli amministrativi presso le aree di servizio, invece, sono stati 150.793 e le persone complessivamente sanzionate sono state 19.141.

I numeri di un’analisi condotta da ACI e Istat e pubblicata nelle scorse settimane, avevano mostrato una diminuzione degli incidenti d’auto nel 2020 pari al 30%. Ampliando il periodo di riferimento a tutto l’anno, la Polizia Stradale e l’Arma dei Carabinieri hanno rilevato una drastica riduzione di infortuni legati a incidenti stradali rispetto allo stesso lasso di tempo del 2019. Gli ultimi dodici mesi hanno fatto registrare una diminuzione della incidentalità complessiva del 30,5%: se nel 2019 gli incidenti complessivi erano stati 74.496, nell’anno della pandemia sono stati 51.103. Numeri in calo anche per gli incidenti mortali, diminuiti del 26,9%, mentre gli incidenti con lesioni e le persone ferite sono diminuiti rispettivamente del 34,6% e del 38,3%.

In totale la Polizia Stradale ha effettuato 479.897 pattuglie di vigilanza stradale e contestato 1.596.686 di infrazioni. Le violazioni accertate per eccesso di velocità nel corso del 2020 sono state 560.264: a questi numeri si aggiungono i ritiri di 25.368 patenti di guida e 34.223 carte di circolazione. Nel complesso agli automobilisti italiani sono stati decurtati 2.498.401 di punti patente nei dodici mesi dell’anno passato. I conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 621.809, di cui 8.744 sanzionati per guida in stato di ebbrezza alcolica mentre quelli denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono stati 850.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Coronavirus, incidenti stradali diminuiti nel 2020