Colore delle Regioni a Pasqua: chi è in zona rossa

Il Ministero ha ufficializzato i nuovi colori delle Regioni, in attesa della zona rossa nazionale di Pasqua

Giallo, arancione, rosso: Natale o Pasqua la tavolozza non cambia. La cosiddetta terza ondata, contemporanea alla partenza della campagna vaccinale di massa, costringe gli italiani a fare i conti con le zone colorate anche a cavallo di marzo e aprile 2021.

Dalla prossima settimana alcune Regioni cambieranno ‘tonalità’. Ieri, venerdì 26 marzo, si è infatti riunita la cabina di regia del Ministero della Salute. Si tratta del sistema che decreta la colorazione delle aree, mettendo insieme l’analisi del rischio, l’indice di riproduzione effettiva Rt e l’incidenza settimanale. Gli automobilisti dovranno dunque rivedere la mappa dei colori prima di mettersi in viaggio, magari consultando l’app che segnala dove si può andare in tempo reale.

Infatti il famigerato Rt è aumentato in certe parti del Paese, mentre è diminuito in altre. Così, prima delle festività pasquali che vedranno l’intera nazione in zona rossa, da lunedì 29 marzo i Governatori dovranno inasprire o allentare le restrizioni anti Covid-19.

Al Nord, per esempio, la Valle d’Aosta lascerà la zona arancione per diventare rossa, considerata la preoccupante crescita dei contagi. Rosso sarà il colore anche della Lombardia, una delle Regioni più popolose e in difficoltà. I lombardi già da 15 giorni sono alle prese con le norme più stringenti e dovranno sopportarle ancora, almeno fino al 6 aprile. Infine il Veneto, in extremis, non riesce a mutare in arancione dopo essere stato in bilico sino all’ultimo.

Nel centro Italia è andata male alla Toscana, che da lunedì sarà rossa dopo aver oscillato sulla soglia limite dei 250 casi ogni 100.000 abitanti per giorni. Niente passaggio di tonalità per l’Emilia Romagna, che resta anche lei rossa. Ciò che ha fatto pendere per i massimi divieti è la pressione sugli ospedali e in particolare sulle terapie intensive emiliano-romagnole. Il Lazio, invece, malgrado l’alta densità abitativa, dopo 2 settimane scioglie le misure più rigide e torna in arancione da lunedì.

Come detto, nei giorni delle festività pasquali terminerà la varietà cromatica. Tutta Italia sarà zona rossa da sabato 3 aprile a lunedì 5 aprile. Tuttavia, come già avvenuto in occasione dello scorso Natale, sarà permesso una sola volta al giorno recarsi verso un’altra abitazione privata all’interno dei confini regionali. Il viaggio però dev’essere effettuato da massimo 2 adulti con eventuali figli minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti conviventi. Questa sarà, dunque, la seconda Pasqua compromessa dal Coronavirus. 12 mesi fa il ‘lockdown’ pasquale registrò un numero elevato di multe e denunce.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Colore delle Regioni a Pasqua: chi è in zona rossa