Cityscoot, anche a Milano sbarca la mobilità green

Lo sharing di scooter elettrici arriva nel capoluogo lombardo per una mobilità sostenibile

La prima città italiana a condividere Cityscoot, il sistema di scooter elettrici che abbiamo già visto a Nizza e Parigi, è Milano.

Questo significa che, presto o tardi, arriveranno probabilmente anche in altre località della nostra penisola quegli scooter bianchi e azzurri che portano alta la bandiera della mobilità green. Ad oggi li vediamo parcheggiati in alcune delle zone più trafficate e strategiche di Milano. Sono stati distribuiti dalla start-up francese 500 motorini, dopo il successo ottenuto a Parigi, dove gli scooter sono già più di 3.000. Questo è il motivo per cui pensiamo che, dopo la prima fase sperimentale, la flotta si potrebbe ingrandire ed espandere anche in Italia.

I mezzi a due ruote di Cityscoot si possono noleggiare ogni giorno e ad ogni ora in tutta la zona assegnata. Ciò non significa che non potranno essere guidati al di fuori dei limiti in cui è stata posizionata la flotta, anzi. Ogni persona che ha compiuto 18 anni potrà guidare questi motorini green e, per chi si registra tramite l’app, al momento il servizio è gratuito. Staremo a vedere poi il riscontro e le tariffe che potranno essere applicate. Ormai da 4 anni questa start-up ha lanciato il progetto in Francia. Precisamente a Parigi nel 2016 sono stati distribuiti 150 elettrici che poi sono diventati almeno un migliaio nel giro di poco tempo. Quest’anno anche Nizza ha adottato lo stesso sistema e poi Milano è stata scelta come la città del debutto in Italia.

È chiaro quale sia l’obiettivo dell’azienda, riuscire a dare il proprio contributo per cambiare in modo radicale la mobilità in città. Si tratta di un servizio innovativo che permette di prenotare gli scooter elettrici tramite connessione, senza alcuna carta di credito e nemmeno terminali di ricarica, nemmeno servono le chiavi. L’utente che vuole usare Cityscoot deve scaricare l’app sul proprio smartphone e usarla per riuscire a localizzare il punto in cui si trova il motorino più vicino e ancora disponibile. Tramite questo sistema online riesce anche a prenotarlo e a vedere la situazione di carica della batteria. C’è un codice che viene inviato al momento della prenotazione, da inserire sulla testiera dello scooter per sbloccarlo. Da quel momento in poi inizia il noleggio.

Il General Manager di Cityscoot Italia è orgoglioso di aver portato questo servizio a Milano, la società tiene particolarmente all’idea zero emissioni e zero rumore della mobilità del futuro. I motorini della flotta sono 100% elettrici e in grado quindi di contribuire a rendere la città meno inquinata e più silenziosa, cercando di cambiare le abitudini negli spostamenti dei cittadini.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Cityscoot, anche a Milano sbarca la mobilità green