Cashback di Natale: vale anche per spese dell’auto

Il piano Cashback incentiva i pagamenti digitali e è valido anche per il settore auto, meccanico e carrozziere compresi

Piano Cashless Italia, di cosa si tratta? Il nuovo programma che il Governo ha annunciato e che serve per incentivare i pagamenti digitali e cercare di eliminare, o almeno ridurre, il grave problema dell’evasione fiscale che colpisce il nostro Paese.

Questo il motivo per cui il nuovo piano “premia” tutti coloro che si servono di strumenti di pagamento tracciabili, come app per smartphone e, ancora più semplicemente, bancomat e carte di credito. La prima iniziativa di Cashless Italia è partita lo scorso 8 dicembre e sarà attiva sino alla fine dell’anno. Si chiama Extra Cashback di Natale e si tratta di un rimborso che viene accreditato a chi effettua almeno 10 acquisti con carte e app e vale solo per chi compra beni e servizi nei punti vendita fisici, non online.

Parliamo di un rimborso pari al 10% della spesa, calcolato su ogni acquisto. C’è un tetto massimo, che è di 150 euro. Questo significa che vengono rimborsati 15 euro al massimo, anche nel caso in cui si spendano 200, 300 o 700 euro. Nel caso in cui si spendono invece 90 euro, il rimborso è di 9 euro, per 100 euro, di 10 euro e così via. Per questo periodo di dicembre 2020 tutti i rimborsi verranno erogati sul conto corrente che l’utente stesso indica, a partire dalla fine di febbraio; una condizione da rispettare c’è: bisogna aver fatto almeno 10 operazioni nel mese (dall’8 al 31 dicembre).

Come si può ricevere l’Extra Cashback di Natale? Innanzitutto bisogna possedere lo SPID (chi non lo ha trova qui il procedimento per ottenerlo), l’identità digitale che serve per accedere a servizi online della pubblica amministrazione. In alternativa si può usare la Carta d’Identità Elettronica con PIN ricevuto al momento del rilascio. È necessario poi scaricare l’app IO per smartphone, registrarsi, inserire il numero della carta che si usa per i pagamenti e l’IBAN del conto corrente su cui si vuole ricevere il rimborso. Ogni transazione viene registrata automaticamente per essere soggetta al cashback.

Anche beni e servizi che fanno parte del settore auto rientrano nelle spese che possono essere rimborsate dal Cashback di Natale. Prima di tutto i rifornimenti di carburante (lo abbiamo visto nei giorni scorsi), l’importante è che siano ovviamente effettuati con bancomat o carta di credito, e poi tutti i servizi come carrozziere, meccanico, elettrauto, ricambista.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Cashback di Natale: vale anche per spese dell’auto