Al via il cashback in autostrada: come funziona

Un vero e proprio risarcimento pensato per gli automobilisti che hanno perso ore imbottigliati nel traffico

Autostrade per l’Italia ha subito un procedimento da parte dell’Antitrust, che accusa la società che gestisce la rete autostradale del nostro Paese di avere dei seri problemi di viabilità in alcune tratte, a causa dei lavori in corso, e di non avere abbassato le tariffe per gli automobilisti che subiscono continui rallentamenti.

Questo è il motivo per cui, visto che molti conducenti sono rimasti ore imbottigliati nel traffico senza beneficiare di alcuno sconto sui prezzi del pedaggio, il gruppo ha deciso di dare il via al cashback per risarcire gli automobilisti. Il fondo disponibile per questo rimborso è di 250 milioni di euro e sarà dato a tutti coloro che hanno passato o dovranno passare diverse ore incolonnati nel traffico in autostrada a causa dei cantieri aperti per la manutenzione della rete.

Roberto Tomasi, amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, ha spiegato la novità. L’annuncio arriva pochi giorni dopo il ‘procedimento di inottemperanza’ aperto dall’Antitrust contro Aspi. Il costo del pedaggio infatti, come abbiamo detto in apertura, non è stato ridotto nelle tratte che presentano problemi di viabilità gravi e per questo motivo bisogna prendere provvedimenti (dopo la sanzione di 5 milioni di euro dello scorso mese di marzo, che però non è servita a far cambiare le cose).

Il Codacons e le altre associazioni dei consumatori hanno così parlato di cashback dei pedaggi (oltre alle altre opportunità di cui abbiamo già parlato) per chi ha subito forti rallentamenti e disagi a causa dei lavori in corso in autostrada. L’A1 Milano Napoli, la A10, la A7 e la A23 Udine Tarvisio sono le tratte oggi maggiormente interessate dai disservizi.

Come funziona il cashback per gli automobilisti?

Per beneficiarne è necessario che il ritardo sia da attribuire ai lavori di un cantiere autostradale e che sia ritenuto significativo. È importante quindi stabilire l’entità del disagio e per farlo basta calcolare la durata del viaggio. È prevista una soglia minima di ritardo di 15 minuti, necessaria per poter chiedere il cashback. Il tempo deve comunque essere proporzionato alla lunghezza del percorso totale fatto dall’automobilista.

Cosa significa?

Registrati a Virgilio Motori per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Al via il cashback in autostrada: come funziona