Camion e TIR rubati, è allarme furti in Italia

Il "Report sui furti di mezzi pesanti 2020" elaborato dall'azienda LoJack Italia fa suonare il campanello d'allarme: rubati in media 7 mezzi pesanti al giorno.

Un dato allarmante sconvolge l’Italia, con numeri preoccupanti di un trend che di anno in anno peggiora sempre più. Parliamo dei dati sui mezzi pesanti rubati sulle strade della Penisola, con tassi di recupero in crollo e numeri che non lasciano presagire nulla di buono.

Secondo il “Report sui furti di mezzi pesanti 2020” elaborato da LoJack Italia, che ha raccolto e analizzato i dati forniti dal ministero dell’Interno integrandoli con propri report e analisi, ogni giorno vengono rubati circa 7 mezzi pesanti in Italia e solo 4 su 10 vengono ritrovati e restituiti ai legittimi proprietari. Rispetto al 2011 parliamo di un tasso di recupero crollato del 25%, dal 64 al 39% per una categoria che negli ultimi anni sembrerebbe essere stato preso di mira con questi gesti criminali (anche le auto sono colpite da continui furti) . Quando si parla di mezzi pesanti rubati va specificato si tratta di automezzi pesanti, rimorchi, autobus, veicoli speciali e roulotte che nel 2020 hanno toccato quota 2.435 nonostante il lockdown forzato a causa del Covid-19.

La pandemia sembrerebbe aver fatto calare il trend del 22%, ma le cause di forza maggiore non fanno sperare in una diminuzione futura, con una media registrata di 6,7 mezzi rubati al giorno e soltanto il 39% (circa 954 del totale) ritrovati e riconsegnati ai proprietari. Massimo Braga, direttore generale di LoJack Italia, ha ipotizzato tre diverse dinamiche dei furti: “Furti su commissione, le truffe e le appropriazioni indebite di veicoli in leasing. Molto spesso poi l’obiettivo delle organizzazioni criminali, più che il furto del mezzo stesso, è la sottrazione del carico trasportato, di rilevante valore economico e facilmente ricollocabile sul mercato. Per questo motivo, ancor più che nel business delle auto rubate, è necessario che le fasi di rilevamento e recupero del bene si compiano con estrema rapidità, prima che della refurtiva si perdano le tracce”.

Come sottolineato da Braga, LoJack Italia si candida a dare una mano alle forze dell’ordine attraverso la tecnologia in radiofrequenza e al supporto del team di specialisti Law Enforcement. Il servizio oggi abbina soluzioni telematiche che corrono in aiuto ai proprietari dei mezzi e rendono ancora più dura la vita ai ladri. Attraverso la semplificazione della gestione del mezzo è infatti possibile scegliere di essere avvisato con un alert quando il veicolo supera una determinata area di protezione senza il conducente designato a bordo, oppure entra in una zona a rischio o ancora nel caso in cui la propria attrezzatura o le merci trasportate non risultino più a bordo. Insomma, una garanzia e un tentativo di sgambettare e mettere fine all’attività criminale.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Camion e TIR rubati, è allarme furti in Italia