Cambio gomme invernali: l’allarme della Polstrada

Da 749 controlli effettuati nel 2018 dalla Polizia presso i gommisti di tutta Italia è emerso che 166, il 22% degli esercizi controllati, sono risultati fuori norma con ben 69 esercizi abusivi, ovvero non iscritti in Camera di Commercio come titolati ad esercitare la professione di gommista, pari al 9% del campione. In totale sono state elevate 280 sanzioni con 35 denunce all’Autorità Giudiziaria e 63 sequestri.

Questi, in estrema sintesi, i numeri forniti oggi da Giovanni Busacca, Direttore del Servizio Polizia Stradale, durante il Convegno dal titolo Pneumatici e Sicurezza Stradale: la voce degli operatori del settore e il ruolo chiave del gommista che si è svolto a Roma presso la sede dell’ACI.

Dati allarmanti che preoccupano non solo la Polizia ma anche le Associazioni di Categoria. ‘‘E’ necessario intervenire efficacemente per arginare un fenomeno che incide negativamente su tutto il sistema della circolazione – sottolinea Giovanni Busacca, Direttore del Servizio Polizia Stradale -. I pericoli che derivano da una condotta sconsiderata ed illegale quale è quella del montare pneumatici non omologati o la pessima manutenzione degli stessi, impongono maggior attenzione e controlli sempre più serrati sui soggetti che operano in tutta la filiera. Mettersi alla guida con pneumatici lisci, danneggiati, non conformi a quanto previsto dalla normativa, espone i conducenti ad un elevato rischio di incidenti stradali. La Polizia Stradale in questo è da sempre attiva attraverso un impegno a 360 gradi che va dalla formazione dei nostri operatori, alla prevenzione, ai controlli e alla repressione.”

Tutte le Associazioni intervenute chiedono che venga riformata e adattata alle nuove esigenze dell’evoluzione tecnologica la legge 122/92 che disciplina il sistema di autoriparazione.

E’ necessario definire programmi di formazione omogenei sul territorio nazionale per il responsabile tecnico, che contengano le corrette procedure e un elenco di attrezzature minimali da mantenere tarate. Se una corretta manutenzione del veicolo è l’elemento essenziale della sicurezza di tutti noi, un ruolo essenziale lo assume la legalità: il gommista dovrà investire in formazione e informazione ed attrezzature.

Si ricorda sempre che condizioni economiche eccessivamente convenienti sia in termini di prodotto, sia in termini di servizio, celano quasi sempre amare sorprese e generalmente corrispondono a prodotti e prestazioni di scarsa qualità con le relative conseguenze, non solo in termini di durata, ma anche e soprattutto sulla sicurezza stradale.

 

MOTORI Cambio gomme invernali: l’allarme della Polstrada