Incidenti d’auto in diminuzione nel 2020

Secondo le cifre diffuse dall'ACI e dall'Istat, nei primi nove mesi dell'anno incidenti, feriti e vittime cala di circa il 30%

Il 2020 è un anno da dimenticare, per il settore automotive. Il lockdown e il conseguente blocco alla circolazione dei veicoli causati dal SARS-CoV-2 ha azzerato (o quasi) le vendite di nuovi veicoli, mettendo in ginocchio migliaia e migliaia di rivenditori solo in Italia. Allo stesso tempo, però, il Covid-19 ha avuto un effetto positivo quanto meno su un aspetto legato all’universo automobilistico: gli incidenti, e tutto ciò che ne consegue, sono nettamente in calo.

Stando alle cifre diffuse dall’Automobile Club d’Italia e dall’Istituto Nazionale di Statistica, nei primi 9 mesi dell’anno c’è stato un calo del 30% circa dei sinistri denunciati rispetto allo stesso periodo del 2019. Allo stesso modo, è calato anche il numero di feriti da incidenti automobilistici e di decessi causati dagli incidenti stessi. Un calo figlio del lockdown: basta infatti scorporare i dati per accorgersi che in estate (nel trimestre luglio-settembre) i numeri sono molto simili a quelli degli anni precedenti. Un effetto che era stato già registrato a Roma nel corso di mese di marzo, con incidenti praticamente dimezzati.

I dati registrati e diffusi dall’ACI e dall’Istat sono comunque confortanti. Nei primi nove mesi del 2020 il numero di incidenti stradali con lesioni a persone è calato del 29,5% rispetto a quelli registrati nello stesso periodo del 2019 (90.821 i sinistri denunciati), con una diminuzione del 32,0% dei feriti (123.061 persone hanno riportato lesioni di vario tipo). Come detto, cala anche il numero dei morti: le persone decedute entro 30 giorni dal sinistro sono state 1.788, in calo del 26,3% rispetto ai primi tre trimestri del 2019.

Andando a scorporare i dati, si scopre che nei primi sei mesi dell’anno (quelli della serrata ferrea e generale, con la circolazione stradale quasi del tutto azzerata) la differenza tra 2019 e 2020 è ancora maggiore. Le vittime sono il 34% in meno, mentre il numero di incidenti e feriti è in calo del 40%. Ciò vuol dire che nel trimestre estivo i sinistri stradali sono tornati a crescere, anche se non al livello dell’anno precedente.

La diminuzione fatta registrare nei primi tre trimestri del 2020 avvicina l’Italia ai numeri degli altri Paesi europei. La strada da percorrere, però, è ancora lunga: nel 2010 l’Italia si è impegnata a diminuire il numero di sinistri del 50% entro il 2020. Grazie al confinamento ci si è avvicinati al risultato prefissato (-43,1%, a voler essere precisi), ma il lavoro da fare sul fronte della sicurezza stradale è ancora molto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Incidenti d’auto in diminuzione nel 2020