Calano le auto diesel in Europa ma aumentano le emissioni

I dati dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) pubblicati in questi giorni confermano che le emissioni di CO2 delle nuove autovetture sono aumentate per il secondo anno consecutivo nel 2018, in aumento dell’1,8% rispetto al 2017.

L’anno scorso è stato anche il secondo anno in cui le auto a benzina hanno aumentato ulteriormente la loro quota di mercato mentre le vendite delle auto a diesel, tanto demonizzate, sono diminuite.

Circa 8,5 milioni di nuove auto a benzina sono state vendute lo scorso anno, rispetto ai 7,6 milioni del 2017, secondo i dati dell’Associazione dei costruttori europei di automobili (ACEA). Nel 2018 sono stati registrati 5,4 milioni di nuove auto diesel, con un calo di 1,2 milioni di auto rispetto all’anno precedente.

‘Esiste una chiara correlazione tra le vendite di auto diesel o benzina e le emissioni di CO2 – ha detto Erik Jonnaert, segretario generale di ACEA – e questo perché i modelli a benzina emettono più CO2 rispetto ai diesel equivalenti. Anche se il divario tra le emissioni medie di CO2 delle auto a benzina e diesel si sta restringendo, l’impatto è ancora significativo perché lo scorso anno sono state vendute circa 1 milione di nuove auto a benzina rispetto al 2017”.

Nell’attuale scenario, la prospettiva di sanzioni per il mancato raggiungimento dell’obiettivo 2020/2021 sul CO2 è, in misura diversa, una seria preoccupazione per i produttori di automobili. Ovviamente, il mancato raggiungimento di questi obiettivi metterebbe i produttori in una posizione di grande svantaggio per raggiungere gli obiettivi di CO2 2025 e 2030 stabiliti di recente.

Dato che questo non è chiaramente nell’interesse del settore, i produttori di auto stanno investendo massicciamente in tutte le tecnologie a basse e basse emissioni, incluse auto elettriche a batteria piena, ibridi plug-in e veicoli elettrici ibridi, nonché quelli alimentati a gas naturale o idrogeno .

L’ACEA esorta i 28 Stati membri dell’UE a incrementare gli investimenti in punti di ricarica per veicoli a ricarica elettrica e stazioni di rifornimento per altre auto alimentate alternativamente, mettendo in atto schemi di incentivi significativi e sostenibili per incoraggiare più consumatori ad acquistarli.

“In mezzo alla forte spinta per i veicoli a propulsione alternativa, non dovremmo cancellare l’ultima generazione di auto diesel, che non solo emettono meno CO2 delle loro controparti petrolifere, ma rilasciano anche basse emissioni inquinanti”, ha sottolineato Jonnaert .

MOTORI Calano le auto diesel in Europa ma aumentano le emissioni