Brutta notizia per gli automobilisti: la benzina può costare di più

Torna la commissione per il pagamento del carburante alle stazioni di rifornimento

Brutta notizia per automobilisti e motociclisti: senza alcun preavviso, dal 1° aprile è infatti tornata la commissione statalesul pagamento alle stazioni di carburante, se effettuato con carta di credito e bancomat. In sostanza, o si paga in contanti, o benzina, gpl e gasolio costano di più. Ancora non è stato comunicato se il costo di questa commissione: l’ultima in vigore ammontava a circa 0,77 centesimi di euro.
 
Il ritorno della commmissione è stato deciso dal Decreto pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n°75 del 31 marzo relativo al "Regolamento sulle commissioni applicate alle transazioni effettuate mediante carte di pagamento, ai sensi dell’articolo 12, commi 9 e 10, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modifi cazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214. 
 
Dura la presa di posizione dell’Adiconsum (Associazione Associazione Difesa Consumatori e Ambiente) tramite i suo presidente Pietro Giordano: "Ancora una volta si è presa una decisione riguardante le tasche dei consumatori senza coinvolgere le Associazioni Consumatori – ha dichiarato Giordano – Da sempre siamo favorevoli alla diffusione dei pagamenti elettronici come utile strumento per combattere l’evasione fiscale e per ridurre i costi legati all’uso del contante"
 
"Tuttavia, riteniamo che la definizione delle regole da applicare alle commissioni per i pagamenti effettuati con le carte di pagamento, proprio perché interessano sia gli esercenti che i consumatori, debba essere oggetto di un tavolo a cui siedono tutti gli ‘stakeholders’ coinvolti, compresi quindi anche i Consumatori", ha concluso Giordano
 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Brutta notizia per gli automobilisti: la benzina può costare di più