Bollo auto e Governo Draghi: la nuova Pace Fiscale 2021

Esecutivo al lavoro sul decreto Sostegno. Probabile un condono su multe e bollo non pagati dagli automobilisti

È in arrivo un maxi condono dal valore di 60 milioni di euro nel nuovo decreto Sostegno? La notizia non è ancora ufficiale, ma secondo alcune voci il ‘colpo di spugna’ potrebbe riguardare anche gli automobilisti che non hanno pagato bollo e contravvenzioni dal 2000 al 2015, per un importo non superiore ai 5.000 euro.

La misura verrebbe varata dal Governo Draghi per venire incontro a coloro che, per difficoltà economiche, non sono riusciti a mettersi in regola con il pagamento di pratiche, ferme da anni. In realtà, già il primo esecutivo Conte aveva disposto una manovra simile, che prevedeva la cancellazione delle pendenze fino a 1.000 euro relative al periodo 2000-2010. Il decreto Sostegno ora prenderà il posto di quello Ristori. Il Consiglio dei Ministri sta valutando così un ventaglio di iniziative. Tra queste lo stop fino al 30 aprile (attuale fine dello stato di emergenza) del pagamento delle tasse per i contribuenti colpiti dalla crisi economica post pandemia e la proroga del blocco dei licenziamenti al 30 giugno 2021.

Inoltre sarebbero inclusi inediti bonus per le aziende, le partite Iva e i professionisti, che hanno dovuto subire le ultime chiusure delle attività per arginare il contagio. Ma sono contemplati anche nuovi fondi per l’acquisto di vaccini e farmaci anti Covid-19.

Per quanto riguarda gli automobilisti, il decreto Sostegno, come detto, dovrebbe sancire una cosiddetta ‘pace fiscale’. Con questo termine s’intende, cioè, lo stralcio dei bolli auto non pagati e delle multe arretrate, nell’arco di 15 anni, dal 2000 al 2015. Il limite economico dovrebbe essere invece esteso sino ai 5.000 euro di pendenze. Per le cartelle superiori a tale soglia, il Governo sembra pensare a una dilazione del pagamento o a uno sconto percentuale, senza interessi o sanzioni. In caso di conferma, i debitori non dovranno effettuare alcuna pratica, perché la multa verrebbe neutralizzata in automatico.

L’approvazione di tutte queste ipotesi, emerse sulla stampa cartacea e sui portali, in particolare di motori e di finanza, dovrebbe arrivare da parte del Consiglio dei Ministri durante la settimana entrante. In generale il corposo Decreto Legge avrà un valore pari a diverse decine di miliardi di euro. La ‘sanatoria’ comporterebbe invece una perdita per l’erario di 60 milioni di euro. Grande attesa, infine, anche per quanto deciderà il Governo in merito agli incentivi auto, previsti dalla Legge di Bilancio 2021, varata dal precedente esecutivo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Bollo auto e Governo Draghi: la nuova Pace Fiscale 2021