L’auto del futuro? Avrà plastica e consumi inferiori

Secondo uno studio di IHS Markit, sempre più plastica e materiali composti nelle auto dl futuro

Come sarà l’auto del futuro? Sempre più leggera grazie alla plastica e ai materiali compositi. E’ questo il risultato di uno studio realizzato da IHS Markit, secondo il quale nel 2020 ogni macchina utilizzerà in media 350 kg di parti in plastica, contro i 200 kg del 2014 con diverse parti interessate, come si può vedere nell’infografica realizzata proprio dall’azienda londinese.

La ragione principale di questa rivoluzione nella progettazione e realizzazione delle vetture è legata soprattutto alle future normative globali sui consumi e sulle emissioni, sempre più stringenti, che obbligheranno le case costruttrici a produrre mezzi il meno pesante possibile, obbiettivo raggiungibile soprattutto sostituendo le parti in metallo con altre in plastica e materie ‘leggeri’ come fibre di carbonio.

Per capire meglio la situazione, basti pensare che nel 2025, ad esempio, le tabelle Usa relative ai consumi Cafe (Corporate Average Fuel Efficiency) prevedono una media di percorrenza di 54,5 miglia per gallone – 23,17 km per litro – ovvero quasi il 50% in meno rispetto all’attuale efficienza energetica.

Oltre che per consumi ed emissioni, l’adozione di plastica e fibre ‘leggere’ permetterà anche costi di produzione inferiori a quelli attuali e la creazione di cicli industriali più efficienti, necessari per una produzione globale di vetture che passerà dai 88,7 milioni dell’anno scorso ai 110 milioni nel 2025, soprattutto per la forte e continua espansione del mercato cinese.

Questi ed altri temi non solo energetici saranno al centro del GPS 2016, Global Plastic Summit che si aprirà il 28 settembre a Chicago. Nel forum, un focus specifico sarà dedicato a tutte le future applicazioni dei compositi rinforzati con fibre di carbonio: secondo IHS Markit, questa soluzione permetterà di ridurre sensibilmente la massa dei veicoli dal 25 al 70% in meno, tanto che l’impiego di questi materiali nel settore dell’industria automobilistica dovrebbe essere raddoppiato negli anni a venire .

MOTORI L’auto del futuro? Avrà plastica e consumi inferiori