Aumento dei pedaggi autostradali bloccato per altri due mesi

L’incremento delle tariffe relative all’anno 2019 è sospeso ulteriormente, se ne riparla tra due mesi

Il 2019 avrebbe dovuto essere segnato da un aumento delle tariffe dei pedaggi autostradali.

L’ultima notizia di oggi però è che Autostrade per l’Italia ha sospeso in via volontaria l’incremento tariffario relativo all’anno 2019 per altri due mesi. La comunicazione arriva da Aspi, in una nota spiega che la decisione è stata presa dal Consiglio di Amministrazione “in considerazione degli inviti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”.

Abbiamo già parlato della sospensione degli aumenti del costo dei pedaggi autostradali il primo gennaio e lo stesso anche il primo luglio, dopo il crollo del ponte Morandi e con il contenzioso in atto tra Autostrade per l’Italia e il Governo. Nel corso dell’estate poi era giunta notizia che il Ministero e la Società Concessionaria avevano stabilito che ci fosse una vera e propria necessità di arrivare, entro la prima metà di questo mese (quindi a giorni), a soluzioni condivise in base ai piani di investimento in programma per il futuro e anche quelli in corso da parte di Autostrade per l’Italia, come il Passante di Bologna, la Gronda di Genova e altri importanti investimenti che riguardano l’ampliamento di alcune tratte autostradali di accesso alle aree metropolitane.

Insomma, oggi il Ministero ha richiesto un ulteriore annullamento e quindi rinvio dell’aumento dei prezzi dei pedaggi autostradali in Italia, molto probabilmente la motivazione è da legare all’inchiesta sui presunti report non chiari sulle condizioni di alcuni viadotti gestiti dalla Società.

Prezzi invariati quindi per altri due mesi. E così, dopo aver parlato dell’approvazione del nuovo sistema tariffario dei pedaggi autostradali e dei conseguenti possibili aumenti, oggi vediamo slittare tutto alla fine dell’anno. Ricordiamo invece che il Ministro Danilo Toninelli ha dato il via libera a un’ulteriore proroga, fino a fine anno, dell’accordo tra il Mit e Aiscat che prevede lo sconto del 30% ai caselli autostradali in favore dei motociclisti dotati di Telepass.

Un’altra notizia di cui abbiamo già parlato inoltre riguarda il PEF relativo alle autostrade laziali ed abruzzesi, che prevede un progetto enorme per mettere in sicurezza antisismica la zona e per il contenimento dei pedaggi. Il piano, che si articola in un periodo molto lungo che va dal 2019 al 2040, prevede l’allungamento del termine di scadenza della concessione del 2030 al 2040 e un piano di investimenti per la messa in sicurezza appunto, necessaria anche visto le previsioni di aumento del traffico su queste tratte.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Aumento dei pedaggi autostradali bloccato per altri due mesi