Arriva il taxi anti-stupro solo per donne

Si diffondono sempre più nel mondo servizi di trasporto solo per donne

Garantire la sicurezza alle donne quando prendono il taxi: è questa la logica di tante iniziative che stanno prendendo piede nel mondo specificatamente per permettere al gentil sesso di usufruire di un servizio di trasporto a pagamento senza paura di molestie o, addirittura, violenze. Spesso si tratta di agenzie completamente al femminile, che accettano solo donne sia come clienti che come lavoratori.

E’ il caso ‘scuola’ di ‘SheTaxis/SheRides’, società nata nel 2014 a New York su iniziativa di Stella Mateo, moglie di Fernando Mateo, fondatore nel 1999 della Federazione dei tassisti dello stato di New York. Da una parte SheTaxis accetta candidature a tassista solo da parte di donne, la cui fedina penale viene controllata rigorosamente, e dall’altra accetta solo donne (e gli eventuali figli) come clienti.

L’esempio di SheTaxis è stato preso ad esempio anche da altre iniziative simili, l’ultima delle quali è ‘Chariot for Women’, una società intenzionata a lanciare nei prossimi giorni in tutti gli Stati Uniti un servizio di taxi anche in questo caso totalmente al femminile, sia per quanto riguarda chi sta al volante che per i passeggeri.

Se però da un lato l’iniziativa sta riscontrando un buon successo tra le donne, dall’altra è vista con sospetto dalla controparte tassista ‘maschile’ e anche a livello legale, visto che alcuni considerano discriminatorio, – paradossalmente ‘al contrario’ – scegliere sia i lavoratori che i clienti in base al sesso, anche se con l’apprezzabile obbiettivo di garantire loro più sicurezza.

Senza contare che, nonostante proprio un guidatore di Uber sia stato arrestato pochi giorni fa per aver rapito e stuprato una donna sul suo suv, sia i servizi di taxi ‘normali’ che lo stesso Uber evidenziano come i casi di violenza sulle donne sui loro mezzi siano comunque generalmente rari.

In particolare, da Uber fanno notare come il tracciamento delle corse sul database del servizio di trasporto renda un loro passaggio perfino più sicuro che sul taxi. Evidentemente, a molte donne non basta.

MOTORI Arriva il taxi anti-stupro solo per donne