Area C Milano: le tariffe sono al sicuro

Il Sindaco Giuseppe Sala ha smentito l'intenzione di aumentare le tariffe di ingresso all'area C. L'ipotesi resta in piedi per la seconda parte del 2023

Tanto tuonò… che non piovve. Almeno per ora. L’annunciato aumento del ticket di ingresso all’Area C del Comune di Milano non ci sarà. Almeno per il momento. La dichiarazione è del Sindaco del capoluogo meneghino Giuseppe Sala, che ha così voluto smentire con forza la ridda di voci che si era rincorsa nei giorni passati.

La dichiarazione del primo cittadino milanese arrivano a margine degli auguri di fine anno del questore Giuseppe Petronzi alle forze dell’ordine in piazzetta Reale e sono fondate su numeri certi. Lo scorso 30 dicembre, infatti, la massima assise del Comune di Milano ha approvato gli equilibri di bilancio 2022, mentre la Giunta meneghina ha fatto lo stesso con il bilancio di previsione per il 2023. In nessuno dei due documenti contabili è presente l’aumento del ticket di ingresso all’Area C, che sembra essere così scongiurato. Almeno per il momento

Aumento Area C Milano: cosa c’è di vero

Nel corso dei giorni e delle settimane passate, era stata spesso e volentieri ventilata l’ipotesi che il Comune di Milano decidesse di aumentare il ticket per entrare nell’area C, la zona a traffico limitato che racchiude il centro storico del capoluogo lombardo. Nello specifico, l’ipotesi più plausibile prevedeva un rincaro del 50% del ticket, con la tariffa giornaliera che sarebbe passata dagli attuali 5 euro a 7,5 euro (la tariffa che deve essere pagata dai non residenti all’interno dell’area dei Bastioni)

Un’ipotesi, come anticipato, che il Sindaco Giuseppe Sala ha voluto smentire con forza. Almeno per la prima parte dell’anno. Nella cerimonia per gli auguri di fine anno tenutasi in piazzetta Reale, infatti, il primo cittadino ha dichiarato di escludere un aumento per i primi sei mesi. In seguito, si vedrà.

Rincari ticket Area C Milano: cosa ha detto il Sindaco Sala

Il Primo Cittadino di Milano non ha del tutto escluso che nella seconda parte dell’anno si torni a parlare di un incremento delle tariffe per l’accesso alla zona a traffico limitato della Cerchia dei Bastioni. Tutto dipenderà dall’ammontare dei trasferimenti dallo Stato centrale alle amministrazioni periferiche e dall’andamento dell’inflazione.

A partire dal prossimo 9 gennaio, infatti, alcune tariffe per i servizi erogati dal Comune di Milano (come le mense comunali) saranno incrementate per adeguarli ai parametri ISTAT. Un destino che potrebbe poi toccare anche al ticket dell’Area C.

Se i conti dovessero restare questi e non dovessero arrivare aiuti dallo Stato, l’Amministrazione Comunale meneghina si troverebbe costretta a dover intervenire. Gli scenari possibili che si paventano sono due: tagliare i servizi erogati (e Sala ha già fatto sapere che, al momento, il Comune non sarebbe in grado di garantire il funzionamento della case vacanze come accaduto fino a oggi) oppure incrementare i costi dei servizi e delle tariffe.

Per questo motivo, l’incremento del ticket  di ingresso all’Area C non è del tutto escluso, ma molto probabilmente solo rimandato di qualche mese. Per vedere da che parte della bilancia penderà il piatto – mantenimento della tariffa attuale o aumento del 50% – non resta che attendere qualche settimana, quando sarà più chiara quale sia la situazione delle casse del comune di Milano.