Addio al bollo auto, benzina più cara: Renzi rilancia l’idea

Il Presidente del Consiglio ha nesso il progetto tra i piani del Governo

Dopo le tante voci degli ultimi tempi è arrivata la presa di posizione ufficiale del Governo sull’abolizione del bollo, l’odiata tassa automobilistica che ‘alleggerisce’ le tasche di milioni di italiani. A rilanciare l’ipotesi è stato lo stesso Presidente del Consiglio Matteo Renzi nella sua diretta Twitter e Facebook di mercoledì 4 maggio.

“Abolire il bollo auto aumentando un po’ le accise non è una cattiva idea perché in questo modo pagherebbe chi consuma e inquina”, ha dichiarato Renzi, elencando i punti all’ordine del giorno per il Governo.

Come riportato da Virgilio Motori, l’idea di un’abolizione del bollo contestuale ad un aumento dell’accise era circolata spesso negli ultimi mesi, sostenuta proprio da ambienti governativi e ora sembra entrata effettivamente ed ufficialmente nei piani di Renzi. Il progetto sarebbe rimpiazzare i 6.5 miliardi di euro generati dalla tassa automobilistica – e, ricordiamolo, destinati alla Regioni – in un aumento delle accise di circa 15 centesimi.

Restano comunque due grossi ostacoli all’accettazione del progetto. In primis, le Regioni stesse vogliono essere sicure di vedersi restituite quanto ‘tolto’ loro dall’abolizione del bollo, tanto che nello stesso PD c’è qualche dubbio in merito, come spiegato da Giacomo Portas”: “L’abolizione del bollo? Bisogna prima sentire le Regioni”, ha spiegato il presidente della Commissione sull’anagrafe tributaria.

Inoltre, non tutti vedono di buon occhio l’abolizione di una tassa comunque ‘proporzionale’ alla ricchezza (chi ha un’auto di lusso paga un bollo più caro di chi ha un’utilitaria) e la sua sostituzione con un’altra che incide invece in modo più uniforme su tutti gli italiani, anche se, pure qui, chi ha una Panda spende teoricamente meno in carburante di chi ha una Lamborghini a parità di chilometri percorsi.

MOTORI Addio al bollo auto, benzina più cara: Renzi rilancia l’id...