860 euro di multa per una Dacia a 180 km/h in tangenziale: tutor impazzito

La notizia ha davvero dell’incredibile, eppure è quello che è successo davvero all’automobilista

Una Dacia che sfreccia a 180 chilometri orari non l’avete mai vista? Io no, e penso sia praticamente impossibile vederla. È un’auto che non raggiungerà mai questa velocità, eppure quello che sto per raccontarvi è accaduto realmente.

Sicuramente colpa di un tutor di rilevamento della velocità praticamente impazzito, sta di fatto che un’automobilista ha realmente ricevuto una multa perché, secondo il sistema elettronico, viaggiava in tangenziale all’altissima velocità di 180 km/h, sfidando qualsiasi regola di sicurezza e buon senso in auto.

L’episodio vede come protagonista Thuy Mary Le, agente di commercio e pittrice di Offlaga (in provincia di Brescia) e la sua auto. La donna ha deciso di raccontare la sua incredibile storia, una disavventura che sembra frutto della fantasia, ma purtroppo per lei, è successa davvero: “La mia testimonianza vuole essere un monito per tutti coloro che hanno ricevuto una multa in quel tratto, e soprattutto in questi giorni. Se si sono sbagliati con me, temo si possano essere sbagliati anche con altri”. E si riferisce quindi alla multa che lei stessa ha ricevuto proprio alcuni giorni fa per eccesso di velocità in tangenziale sud tra Brescia e Rezzato, causata dalla segnalazione del tutor presente su quel tratto di strada.

Una sanzione che prevede, tra l’altro, il pagamento di ben 860 euro per una Dacia che, a quanto pare, viaggiava 180 chilometri orari in tangenziale; è chiaro che il tutor sia letteralmente impazzito. L’errore di calcolo è clamoroso, ed è riassunto in un allegato che è arrivato a casa alla donna insieme alla suddetta multa.

Questo è quanto l’automobilista ha letto nel documento consegnato a domicilio, per posta: “Il tutor installato ha rilevato la velocità media di 95 km/h, ridotta a 90 km/h per tolleranza di 5 km/h, quindi superando di 90 km/h il limite massimo imposto”. Secondo il sistema elettronico quindi, la Dacia della donna viaggiava al doppio del limite consentito, ovvero a 180 km/h.

Ma, anche volendo sfrecciare a quella velocità “da pazzi”, Thuy Mary Le non è in possesso di una supercar potente: “Con la mia macchina è impossibile, forse su quella strada è impossibile anche con una Ferrari”, ha infatti dichiarato la donna, che racconta anche dello spavento provato leggendo di aver preso una multa da ben 860 euro, oltre ovviamente alla decurtazione di 10 punti e alla sospensione della patente da sei mesi a un anno.

Fortunatamente la signora Thuy Mary Le è riuscita a fare chiarezza sulla questione, contattando la Polizia che ha ovviamente ammesso l’errore, annullando la multa con una procedura comunque lunga (per legge, serve infatti il ricorso in prefettura).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI 860 euro di multa per una Dacia a 180 km/h in tangenziale: tutor impaz...