4 nuovi team sono pronti per entrare in Formula E

Le prossime stagioni di Formula E vedranno altre 4 squadre protagoniste nelle corse.

Formula E avrà il piacere di inserire all’interno dei partecipanti ben quattro nuove altre Case automobilistiche per le prossime stagioni: Nissan, Mercedes, Porsche e Bmw. Le prime tre sono veramente agli esordi, mentre per Bmw possiamo definirlo la conclusione di un viaggio iniziato la prima stagione. Infatti il brand è in Formula E dall’anno inaugurale, ma inizialmente aveva dichiarato di non volere entrare in corsa in maniera ufficiale, almeno non fino al momento in cui ci sarebbe stato il cambio macchina a metà gara.

Dal prossimo anno la novità di Formula E sarà proprio questa, oltre alla presentazione delle nuove squadre: il cambio macchina verrà ufficialmente eliminato e per questo motivo possiamo aspettarci finalmente l’ingresso vero di Bmw nel gruppo di scuderie che gareggiano con le monoposto elettriche. Bmw in realtà è sempre stata appunto partecipe, perché ha fornito la safety car e le auto di servizio per tutte le stagioni. Da due anni inoltre collabora con il team Andretti e questa partnership con un gruppo americano è rilevante dal punto di vista dell’espansione del marchio oltreoceano.

La squadra ha un curriculum di tutto rispetto negli USA, e tra l’altro porta il nome di una famiglia che è una vera istituzione nel mondo del motorsport. Per quanto riguarda la Formula E non possiamo ancora dire di avere avuto degli ottimi risultati. Infatti, dopo la prima edizione in cui si è guadagnata quattro podi, e la seconda in cui il podio è stato uno, il team ha poi deciso di continuare con il powertrain Renault usato proprio nella prima stagione, senza quindi fare la scelta di realizzarne uno proprio.  Andretti è riuscita a totalizzare punti in otto occasioni in totale, sommando quelle della scorsa stagione con quelle della stagione in corso, che è oggi a metà.

Il resoconto è abbastanza deludente, anche se sono stati fatti grandi passi avanti rispetto alle performance ottenute in fase di test pre-stagionali, e sembrerebbe che la squadra sia solo stata molto sfortunata a non aver ancora ottenuto nemmeno un podio in gara. Dopo aver sfiorato il terzo posto a Hong Kong e essersi qualificata in prima fila a Città del Messico, è stata rimandata indietro quando la vettura è arrivata sottopeso dopo la Super Pole.

Il team si dichiara abbastanza contento comunque, visto che sembrava non potesse raggiungere alcun risultato soprattutto dopo i test collettivi di Valencia; invece poi a Città del Messico la squadra ha ottenuto la sesta posizione in classifica e soprattutto è stata molto competitiva.

Purtroppo nelle ultime gare ci sono stati degli episodi in cui si è proprio buttata via la possibilità di andare sul podio, per problemi al pit-stop e quindi molto tempo perso ai box. La squadra è ancora limitata perché gareggia con un’auto che tecnicamente è vecchia e poco sviluppata.  Ad Hong Kong la squadra Andretti correrà con una sola monoposto, perché ha deciso di usare la seconda vettura a scopi promozionali, facendo correre Kamui Kobayashi, per aggraziarsi la compagnia di assicurazioni giapponese proprietaria della Ms Amlin, lo sponsor principale della scuderia da tre stagioni.

MOTORI 4 nuovi team sono pronti per entrare in Formula E