3.5 miliardi di euro in più spesi in carburante negli ultimi 9 mesi

Il costo del carburante diventa sempre meno sostenibile per la popolazione italiana e tende ad aumentare

Analizzando quanto hanno speso gli italiani per il carburante nei primi nove mesi del 2018, la situazione appare preoccupante.

Questo perché la popolazione della nostra penisola ha speso ben 43.7 miliardi di euro e, facendo un paragone con lo stesso periodo dello scorso anno, possiamo notare che si è verificato un aumento dell’8.7% rispetto al 2017, in parole povere sono stati spesi ben 3.5 miliardi in più. Cerchiamo una risposta a questa situazione e la possiamo trovare non solamente nell’aumento dei consumi, che in questo lasso di tempo sono cresciuti del 2.1%, ma la colpa è da attribuire principalmente al rincaro dei prezzi di diesel e benzina in Italia.

La situazione attuale vede infatti un prezzo medio ponderato della benzina, calcolato per il periodo che va dal mese di gennaio a settembre 2018 ed elaborato dal Centro Studi Promotor, di 1.6 euro. L’incremento rispetto allo stesso lasso di tempo dello scorso anno è di ben il 4.92%, senza dubbio consistente, ma da non paragonare a quello del gasolio, ancora più influente, infatti il prezzo medio era di 1.377 euro ed è oggi passato a 1.477 euro, l’aumento registrato è quindi del 7.26%.

Il Presidente del Centro Studi Promotor, già citato, sostiene che quello che sta succedendo nei costi del carburante che alimenta le nostre vetture, potrebbe peggiorare di molto la situazione, portando la spesa totale degli italiani per la benzina e il gasolio ad una quota di 58 miliardi di euro nell’anno corrente, se il trend dovesse continuare ad essere questo. Vero che il picco si è registrato nel 2012, toccando ben 67.4 miliardi di euro e oggi siamo lontani da quella cifra, ma la situazione appare comunque preoccupante.

C’è da dire infatti che il costo del petrolio nel 2018 ha un forte impatto sulla spesa sostenuta per l’esercizio dei veicoli e anche, in modo particolare, sulla crescita del Prodotto Interno Lordo, che nel terzo trimestre dell’anno in corso, secondo quanto comunicano i dati raccolti, elaborati e diffusi da Istat, si è fermata. Consideriamo poi che il costante aumento dei prezzi di diesel e benzina va a beneficio del Fisco, ma solo in parte, molto più significativa invece è la quota che va alla produzione e alla distribuzione dei carburanti.

MOTORI 3.5 miliardi di euro in più spesi in carburante negli ultimi 9 m...