Volano le immatricolazioni di moto e scooter

Momento super per tutto il mercato delle due ruote in Italia: durante il mese di ottobre 2022 sono salite le vendite di moto, scooter e ciclomotori

Arrivano ottime notizie per il mercato delle due ruote in Italia: i dati delle immatricolazioni di ciclomotori, scooter e moto nel mese di ottobre fanno segnare un passo in avanti rispetto all’anno scorso.

Secondo i dati diffusi da Confindustria Ancma, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, a ottobre il mercato delle due ruote ha fatto registrare un incremento di immatricolazioni pari al 26% in più rispetto allo stesso mese del 2021. Un risultato importante, raggiunto anche grazie alla rinnovata disponibilità dei prodotti che ha consentito al settore di esprimere tutto il suo potenziale.

Crescono le immatricolazioni di moto e scooter in Italia

Durante il mese di ottobre, in totale, sono stati 21.802 i veicoli a due ruote immatricolati nel nostro Paese. A trainare questa grande crescita sono stati soprattutto gli scooter che per effetto della rinnovata disponibilità dei mezzi, hanno fatto registrare 12.326 nuove immatricolazioni, per un incremento pari al 36,21% in più.

Per le moto si registra una crescita del 17,22% rispetto al mese di ottobre del 2021, con 7.938 veicoli targati. L’andamento dei ciclomotori, invece, è più contenuto ma sempre molto positivo: 1.538 veicoli registrati e aumento del 3,29% rispetto allo stesso mese del 2021.

Paolo Magri, il presidente di Confindustria Ancma, ha commentato così il record positivo del settore durante il mese di ottobre: “È bastato superare momentaneamente alcuni residuali problemi di approvvigionamento per vedere il peso reale del desiderio e della necessità di due ruote nel Paese – si legge sul sito ufficiale dell’associazione – Questi dati rappresentano un ottimo segnale a ridosso di EICMA, l’evento espositivo internazionale più importante per l’industria di riferimento e per gli appassionati”.

Il grande exploit del mese di ottobre riporta quasi in parità il dato sulle vendite: confrontando i dati con quelli del 2021, infatti, la flessione è pari solamente allo 0,71% in meno. In totale i mezzi a due ruote immatricolati in Italia nei primi dieci mesi dell’anno sono 266.118: di questi 130.645 scooter, 116.565 moto e 18.908 ciclomotori.

Moto e scooter: i modelli più venduti

Sul fronte degli scooter, il dato rispetto ai primi dieci mesi del 2021 è negativo del 7,37%, mentre per le moto si registra un incremento del 5,41%. Va ancora meglio ai ciclomotori con un aumento del 15,38%.

Situazione ottimale anche per i veicoli elettrici, soprattutto grazie alla ripartenza degli incentivi statali dopo lo stop dei mesi di agosto e di settembre. A ottobre sono stati immatricolati 1.363 mezzi a due ruote elettrici nel nostro Paese, il 30,81% in più rispetto a un anno fa.

Dall’inizio dell’anno, la moto più venduta in Italia è stata la Benelli Trk 502 X, seguita dalla Bmw R 1250 GS, dalla Yamaha Ténéré 700, dalla Keeway RKF 125 e dalla V7 di Moto Guzzi, storico marchio che ha recentemente presentato la nuova V100 Mandello. Sesta posizione per la Ducati Multistrada V4 che precede la Bmw R 1250 GS Adventure.

Per quanto riguarda gli scooter, invece, Honda si conferma re delle vendite: il brand nipponico piazza ben quattro modelli nelle prime dieci posizione, a partire dall’Honda SH 125 che si trova al comando con 9.442 esemplari immatricolati, davanti al Kymco Agility 125 R 16. Seguono l’Honda SH 150, l’Honda SH 350, lo Yamaha TMax e due Piaggio: il Beverly 300 e il Liberty 125.