Vite contabili e fughe

Scarichi Aperti la rubrica di Carlo Portioli: le moto, i custom, la personalizzazione dei propri mezzi sono una Grande Fuga...

Carlo Portioli Esperto moto e cultura custom

Diciamoci la verità: il clima in giro non è migliorato ultimamente. Per le strade gli sguardi continuano ad essere bassi e il futuro è più sinonimo di paure che di speranze. Ci stiamo provando tutti in modo ammirevole, ma per riaccendere il motore della felicità manca ancora la benzina dei sorrisi che si trasmettono nelle strade come un contagio. In giro continuano a mancare le opportunità e le alternative, mentre la pressione aumenta e quello che facciamo quotidianamente viene misurato in modo sempre più minuzioso. Siamo valutati e pesati per la nostra capacità produttiva, veniamo analizzati e incasellati come consumatori, finiamo sezionati e passati al microscopio, pesati e catalogati fino a perdere la visione d’insieme. Fino a dimenticarsi che prima di tutto siamo uomini.

Quando la nostra misurabilità diventa l’unico parametro di giudizio, ossessione di un mondo che ha rimosso il valore delle qualità e delle unicità umane perché troppo complesse da valutare, allora nasce il bisogno di fuga. Una fuga che serve a ricordarci che siamo molto di più della somma dei numeri scritti sui cartellini che ci hanno appeso addosso.

Le moto, i custom, la personalizzazione dei propri mezzi sono una Grande Fuga che ognuno di noi si regala appena può, antidoto all’ottusa vita contabile. Allora ben vengano le mancate omologazioni, gli specchietti che sembrano rubati a uno studio dentistico, le misure delle gomme diverse da quelle a libretto e gli scarichi aperti che fanno ululare gli antifurti come fossero lupi mannari.

Quel grido selvaggio e fuorilegge è lì a ricordare che sono molte di più le cose che ci rendono unici di quelle che ci rendono uguali… e nonostante ormai il prezzo di questa fuga sia fatto di multe salatissime più riomologazione dei mezzi, troverete sempre qualcuno con i propri scarichi aperti che avrà voglia di fare “Braaaaap to the moon”, come dicono i ragazzi di Neanderthal Moto.

Avanti tutta, vento in faccia e scarichi aperti verso l’Isola Che Non C’è! Perché la vita è troppo bella per rispettare tutte le regole.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Vite contabili e fughe