Vespa Primavera: in arrivo le 50 2T, 50 4T, 125 3V e 150 3V. Foto

L'ultima nata di Pontedera è una versione che torna dopo 45 anni per essere ancora un mito

Un’attesa lunga 45 anni interrotta a EICMA 2013. E’ infatti tra i padiglioni della Fiera di Milano che la Vespa riporta in vita un nome usato proprio da Piaggio nel lontano 1968, il periodo che vide la nascita di un mito che ancora oggi è sinonimo di italianità in tutto io mondo e che tutto il mondo ci invidia.

Compatta, agile, ma sempre fashion, la Vespa Primavera è sicuramente un vero e proprio “status symbol”, un must per l’epoca ed un oggetto da tenere in salotto oggi per “fare” arredamento.

Il Gruppo Piaggio ha rilasciato per ora solo poche immagini, così come molto limitati sono i dettagli tecnici divulgati, ma naturalmente avremo modo di fotografarla e fornirvi tutti i dati tecnici appena dopo la presentazione ufficiale che si terrà domani a EICMA.

Chiaramente il design proposto è nuovo (fa sue alcune delle soluzioni stilistiche e tecniche della Vespa 946), come cambia anche la scocca in acciaio e ovviamente le motorizzazioni, ben quattro:

50 2T, 50 4T, 125 3V e 150 3V. In attesa di vederla dal vivo, oltre a queste due immagini vi forniamo due dati di mercato inerenti al marchio Vespa.

Nei primi nove mesi dell’anno in corso sono state vendute in tutto il Mondo oltre 146.600 unità, per una crescita del 21,3% rispetto alle 120.900 unità vendute da gennaio a settembre dello scorso anno.

Dati più che interessanti, soprattutto se paragonati a quelli del 2004, quando le vendite complessive raggiunsero 58.000 unità, per poi passare a 100.000 nel 2006, 122.000 del 2009 e 165.000 nel 2012. Il termine "mito" è a dir poco… calzante!

(a cura di OmniMoto.it)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Vespa Primavera: in arrivo le 50 2T, 50 4T, 125 3V e 150 3V. Foto