The Reunion 2016: special e café racer invadono l’autodromo di Monza

Successo per l'edizione 2016 di The Reunion, appuntamento dedicato alle moto custom

Carlo Portioli

Carlo Portioli Esperto moto e cultura custom Due ruote sempre in testa

Si viaggia forte all’autodromo di Monza, è così da sempre e non fa eccezione questo evento dedicato a Special e Cafè Racer. Un lungo rettilineo di stand ti accoglie dopo essere entrato in autodromo ed essere passato sotto i rettilinei della pista. Fascino, profumo di storia dei motori ovunque intorno, macchine e moto. Non riesco a non pensare a Pasolini e Saarinen quando entro in questa pista, quando i caschi erano scodelle, sulle curve c’erano le balle di paglia e si moriva troppo per quella bruciante passione per le corse. The Reunion è un evento che cresce, fiorisce rispettando i tempi necessari a farlo in modo armonioso. Non è esploso portandosi dentro cose che poco c’entrano con lo spirito dell’evento e questo è un bene.

harley

La prima cosa che colpisce è che ci sono quasi solo stand di preparatori o builders, come si dice oggi. Famosi, come quelli che hanno appena partecipato alla prima serie di “Lord of Bikes” su Sky, oppure appena affacciati sulla scena. Ad andare avanti e indietro lungo la strip di Monza mi restano attaccati alla memoria alcuni post-it . Ecco quindi un elenco alla rinfusa di cose e sensazioni.

Mi passa accanto Colombo di Asso Bikes a bordo di una Boss Hoss arancione: il suono del V8 Chevrolet è pura libidine. Colombo se la ridacchia sotto i baffoni brizzolati e fa bene.
I ragazzi di Anvil sono puro stile, ma quando si tratta di costruire moto fanno capire quanta sostanza ci sia dietro la loro estetica. La loro FRX da dirt track su base CB 1000 è un gioiellino che evoca pieghe folli, piede a terra e fango in cielo.

Epicentro dell’evento il Silver Bullet di Deus che fa birra, cocktails e panini. Sotto la sua tettoia Parodi chiacchiera con Mr. Deus Italia. Il mio amico Claudio mi fa notare come questi personaggi abbiano sempre il capello sale-pepe a posto e la dentatura perfetta. Nessuna critica, la nostra è solo invidia, sia chiaro.

Per la legge dei grandi numeri, trovi sempre un rappresentante degli idioti che ci tiene a sottolineare la propria tribù d’appartenenza. Oggi lo riconosciamo subito nel genio che si presenta su un’alta massicciata erbosa e umida con un Multistrada. Si ferma poco prima della fine della salita e gira la moto in una posizione assurda per cui se si dovesse sbilanciare verso valle si ritroverebbe a parti invertite lui e la moto. Capito di essere nella merda vera scende a motore spento e faccia da panico. Io assisto e tifo fratture multiple, ma non vengo esaudito.

La Ducati Scrambler sta diventando una buona fonte di ispirazione per i customizzatori, se ne vedono di belle, soprattutto una in stile cafè racer 70s.  Altre sono un po’ tamarre, ma solo chi non fa non sbaglia… Come diceva mia nonna.

Il Wheels and Waves è il riferimento estetico e stilistico per gli eventi come questo, tanto che alcuni brand come Yamaha e DMD riciclano anche lo stand in stile militare. Bella idea, mi fa tornare indietro all’estate scorsa e ai bei ricordi di un viaggio a Biarritz.

Le moto di Radikal Choppers sono così belle che trascendono l’ambito motociclistico e diventano sculture da mettere in salotto.. Avessi i soldi e il salotto, ci farei un pensiero serio. I Moped-tutto-ferro entreranno a breve in modo strutturale nell’ambito di influenza del kustom… Date retta a un pirla e tirate fuori il vostro Fifty dalla cantina.

Tantissimi fanno cose molto belle, ma la mia preferita è lo Sporty Drag di Greaser Garage: tutto perfetto per i miei gusti. Uno sportster che profuma di ottani, pronto allo sparo sul quarto di miglio e che si meriterebbe un proprietario con la faccia di James Hunt. Il mio è stato amore a prima vista, quindi mi compro la relativa maglietta con su questa moto e come me la consegnano? In un bel pacchetto di carta marrone del pane con su il loro logo… Perché lo stile si vede in ogni cosa che si fa.

Tenete d’occhio The Reunion, cresce bene ed è un punto di riferimento per tutti i preparatori. Un posto dove fare in 1km di rettilineo una scorpacciata di gran belle moto…e dove ricapita?

Carlo Portioli Esperto moto e cultura custom Due ruote sempre in testa Le moto e la musica, mia moglie e gli amici, la birra e le chiacchere ma più di tutto amo cercare di capire. Le mie opinioni sono espresse dall'alto di niente. http://www.proudlyeurozero.com/ https://www.instagram.com/poweranchovy/

MOTORI The Reunion 2016: special e café racer invadono l’autodromo di&...