Suzuki GSX-R750Z, la supersportiva si rinnova con grinta

Nuova versione della celebre supersportiva a trent'anni dalla nascita

 A quasi trent’anni dalla nascita, la Suzuki GSX R750 conosce l’ennesima rinascita trasformandosi in R750Z, mantenendo la sua natura di supersportiva e arricchendola con particolari di qualità per confermarne le caratteristiche di esclusività.
 
Le principali novità a balzare agli occhi a livello estetico sono la nuova livrea rossa e nero, che ne aumenta l’aggressività della linea, e il ridisegnato logo Suzuki, con la celebre “S” in design tridimensionale
 
A livello di ciclistica vengono riprese le scelte tecniche impiegate sulla GSX-R600: il telaio è in alluminio con conformazione a doppio trave ed è abbinato ad un forcellone in lega leggera ottenuto per fusione. La forcella è un’innovativa Showa Big Piston (BPF), completamente regolabile mentre, complice la colorazione argentata, si notano immediatamente le pinze freno anteriori monoblocco di tipo radiale della Brembo.
 
Il motore è un quattro cilindri in linea frontemarcia da 750 cm³, con potenza massima di ben 150 cv e valore di coppia pari a 83,30 Nm a 11.200 rpm. L’iniezione elettronica è a doppia farfalla con iniettori a 8 fori per ottimizzare l’atomizzazione del carburante. 
 
La gestione elettronica conferma le due mappature regolabili (S-DMS) da scegliere tramite un comando sul manubrio sinistro, la fruizione sfrutta un sistema antisaltellamento ricavato da studi nelle competizioni mentre il sistema di scarico in acciaio inox ha conformazione 4 in 1, con silenziatore in titanio e valvola di scarico SET.
 
Pesante 190 kg, in linea con il segmento delle supersportive, la nuova GSX-R750Z è disponibile da questo mese a 12.900 euro
MOTORI Suzuki GSX-R750Z, la supersportiva si rinnova con grinta