Si rinnova lo scooter che ha scritto la storia della mobilità urbana

È stato appena svelato sul sito ufficiale del brand l’attesissimo nuovo Piaggio Beverly, in tutta la sua eleganza

Piaggio Beverly è uno degli scooter più amati e apprezzati dalla clientela, ormai da molti anni. Tutti lo conoscono, ha scritto la storia della mobilità urbana. Oggi è attesissima la nuova generazione, che non perde la sua eleganza e il suo fascino, che lo rendono uno dei prodotti più scelti nel segmento.

Beverly oggi è più potente ma non perde la sua agilità. In anteprima mondiale, a vent’anni dalla prima generazione nata nel 2001, il nuovo Piaggio Beverly si svela sulle pagine web di Piaggio. Apprezzato sin dalla sua nascita, è diventato nel corso degli anni uno degli scooter più venduti in Italia, oggi si rinnova completamente e si evolve per diventare un vero crossover, andando oltre la sua categoria, unendo la versatilità, le doti dinamiche e la tenuta di un mezzo a ruota alta con le prestazioni esuberanti e il comfort di un lussuoso GT.

Il nuovo scooter Piaggio Beverly (amato da sempre dalla clientela) è a suo agio in ogni situazione, dal commuting urbano fino al turismo extraurbano, anche con passeggero. Il nuovo design è sportivo, il frontale è stato ridisegnato, le forme della vista laterale abbandonano la morbidezza dei modelli precedenti e diventano oggi più muscolose, il posteriore è più filante e proteso verso l’alto. Al centro del nuovo manubrio vediamo l’inedito proiettore anteriore a LED.

Il codone nella zona posteriore termina con un originale profilo a estrattore al centro del gruppo ottico posteriore a LED. Il portatarga di derivazione motociclistica, sulla ruota, contribuisce a rendere il posteriore del nuovo Beverly snello e pulito. Nuovi anche i cerchi, con un disegno sportivo a sette razze sdoppiate, e la sella, rifinita con doppio rivestimento e doppie cuciture.

Piaggio Beverly, iconico scooter made in Italy, arriva sul mercato con due nuove e potenti motorizzazioni Euro 5 della famiglia hpe – High Performance Engine – di 300 e 400 cc. Monocilindrici 4 tempi, 4 valvole, con raffreddamento a liquido e iniezione elettronica, frutto dell’esperienza del centro ricerca e sviluppo del Gruppo Piaggio. Il motore 300 hpe cresce di potenza del 23% e arriva a 19 kW (25,8 CV) a 8000 giri, la coppia massima cresce del 15% fino a 26 Nm a 6250 giri. Il propulsore 400 hpe sostituisce l’unità 350. La potenza arriva a 26 kW (35,4 CV) a 7500 giri e la coppia massima a 37,7 Nm a 5500 giri. La ciclistica dello scooter è efficace e evoluta.

Piaggio presenta il suo nuovo scooter Beverly in due varianti

Anteprima Beverly Piaggio, presentata la nuova versione dello scooter di successo – Fonte: Ufficio Stampa Piaggio

Grazie alla struttura portante di natura motociclistica e alle grandi ruote con cerchi in lega leggera, il nuovo Beverly assicura un comfort di marcia e una tenuta di strada da moto, mantenendo grande agilità e maneggevolezza. Dotazione tecnologica di tutto rispetto per il nuovo scooter Piaggio, che adotta il sistema keyless per azionare l’accensione senza inserire la chiave.

Nuovissima la strumentazione LCD digitale da 5,5”, ai lati sono posizionati i nuovi comandi al manubrio, completamente ridisegnati. L’equipaggiamento è completato dal sistema di connettività PIAGGIO MIA, che consente di collegare via Bluetooth lo smartphone al sistema elettronico di bordo di Beverly. Piaggio presenta il suo nuovo scooter in due versioni, quella più elegante e ricercata, la Beverly, e quella più grintosa e sportiva, che si manifesta in Beverly S. Nuova gamma di colori eleganti e lucidi, finiture dalle gradazioni metalliche chiare e avvolgenti. Piaggio Beverly S si distingue per le sportive finiture opache in grigio grafite.

Le due nuovissime varianti di Beverly Piaggio in anteprima

In anteprima le due nuovissime varianti di Beverly Piaggio con motorizzazioni Euro 5 – Fonte: Ufficio Stampa Piaggio

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Si rinnova lo scooter che ha scritto la storia della mobilità urbana