La rinascita della Triumph Scrambler di Steve McQueen

Le nuove Scrambler 1200 XC e XE ereditano lo stile delle antenate ma con livelli di prestazioni più alti

Parliamo delle nuove proposte di Triumph Scrambler, che riprendono i tratti di quelle prodotte negli anni Sessanta.

Le vediamo con la stessa estetica nuda e cruda e con il doppio scarico mozzato, come le prime Desert Sled, seguono la tendenza che ha ispirato i primi modelli di questo genere, a partire dalla Bonneville T-120TT. Proprio le stesse che Steve McQueen portò nel deserto e che Bud Ekins guidò, vincendo le corse offroad. Le Scrambler 1200 XC e XE puntano ad una nuova idea e rappresentano le antenate rivisitate in chiave moderna. Sono stati mixati gli accorgimenti tecnici, i dettagli e le performance con il Dna classico della Scrambler di Triumph.

I nuovi mezzi che ne risultano sono pronti per affrontare ogni tipo di avventura, la 1200 Scrambler XC è realizzata per la guida su strada e fuoristrada e la versione XE è pensata proprio per i percorsi più estremi in offroad. Per quanto riguarda la motorizzazione parliamo di un bicilindrico parallelo High Power 1200cc, lo stesso della Bonneville, che oggi è stato rivisto ed è in grado di sprigionare una potenza di 90 Cv; il propulsore usa il ride-by-wire e un sistema di raffreddamento a liquido che consente lunghi chilometraggi e basse emissioni.

Tecnologia di ultima generazione per entrambi i modelli, con cornering traction control e cornering ABS, illuminazione Full LED, blocchetti retroilluminati intuitivi a joystick a 5 vie, accensione keyless, frizione assistita, cruise control, presa di ricarica USB, manopole riscaldate di serie sulla XE e optional sulla XC. La nuova Triumph Scramble è la prima moto al mondo con sistema di gestione GoPro integrato e con il navigatore turn-by-turn, offerto da Google, che nomina Triumph primo partner motociclistico e che permette al rider di avere a disposizione mappa del percorso, destinazione e punti d’interesse.

I motociclisti in sella alle nuove Triumph Scrambler 1200 godranno di un’integrazione perfetta tra la moto e il proprio smartphone, con una strumentazione TFT intuitiva e a colori, da cui è possibile gestire più operazioni con un tasto a manubrio, con cui si possono ricevere le chiamate o anche ascoltare la musica. Per quanto riguarda la ciclistica, il nuovo telaio, grazie a Öhlins, è super ergonomico in offroad ed ha un’altezza da terra inedita. Il forcellone a doppio braccio in alluminio, più lungo sulla XE, rende le condizioni di guida molto più performanti.

Sulle nuove motociclette sono presenti i dettagli tipici delle Scrambler, come le ruote a raggi tangenziali, il tappo del serbatoio Monza style e la cinghia in alluminio spazzolato, la classica sella piatta. I dettagli premium sono ancora più ricchi sulla XE, che è la prima ad esibire il logo triangolare sul serbatoio e che sfoggia pompa freno anteriore Brembo MCS, paramani con anima in alluminio, manubrio con finiture argento e forcella color oro.

Le nuove Triumph Scrambler sono state costruite per essere personalizzate, con più di 80 accessori che danno la possibilità di scegliere diversi stili, da quello più rude a quello più pratico o ancora quello più legato ai dettagli e alle finiture. Fiore all’occhiello: Triumph propone una nuova linea di abbigliamento dedicata alla Scrambler 1200 con occhiali, vestiti casual e t-shirts realizzati ad hoc.

nuove triumph scrambler 1200

MOTORI La rinascita della Triumph Scrambler di Steve McQueen