Patente A2, occhio ai limiti e alle moto che si possono guidare

Patente A2 permette di guidare le moto con potenza massima di 35 kW e con il limite di rapporto potenza/peso di 0,2 kW/kg

La patente A2 può essere presa a partire dai 18 anni e consente di guidare motocicli con potenza massima di 35 kW con il rapporto potenza/peso non superiore a 0,2 kW/kg. Tuttavia, non ci sono limiti di cilindrata, il che permette una scelta più ampia di motocicli che può guidare il possessore di questa patente e alcune case automobilistiche agevolano i neopatentati mettendo in vendita motocicli di alta cilindrata ma con potenza inferiore.

Depotenziare una moto non è difficile, è una questione meccanica che richiede anche l’aggiornamento della carta di circolazione, ma anche la moto depotenziata ha i suoi limiti. Secondo la normativa, il possessore della patente A2 non può guidare un motociclo con la potenza d’origine superiore ai 70kW. Una volta presa la patente A3, che non imposta più limiti è possibile fare il processo inverso, aumentando la potenza fino a quella originale e aggiornando di nuovo la carta di circolazione.

L’ esame pratico deve essere sostenuto su una moto con cilindrata di almeno 400 cc e con la potenza che va dai 20 kW ai 35 kW. Attenzione a non eseguire l’esame pratico con il motociclo a cambio automatico, viene annotato sulla patente e quindi limita il proprietario della patente solo alla guida di motocicli con cambio automatico. Non bisogna dimenticare i limiti della velocità per neopatentati, per i primi 3 anni i possessori della patente A2 non devono superare il limite di 90 km/h sulle strade extraurbane principali e di 100 km/h in autostrada.

Oltre ai veicoli con potenza 35 kW e rapporto potenza/peso 0,2 kW/kg, la patente A2 consente di guidare tutti i veicoli compresi nelle patenti A1 e AM, tra cui ciclomotori a 2 o 3 ruote e quadricicli leggeri. Il mercato offre una vasta gamma di scooter e moto guidabili con la patente A2. Aprilia, per esempio, ha una scelta tra la Shiver, Mana GT 850 con cambio automatico e Dorsoduro 750, tutti motocicli adatti ai neopatentati.

In Italia troviamo la Monster di Ducati nelle versioni 696 e 796. Gli amanti del vintage possono scegliere Moto Guzzi che propone una versione da 48 CV della V7. MV Agusta, soddisfacendo la voglia di velocità, ha esordito con la sportiva F3 675.

Triumph ha la scelta di motocicli per tutti gusti come Scrambler, Thruxton e le Bonneville. Per gli amanti delle naked c’è la Street Triple. Per gli avventuristi la Tiger 800 è perfetta. Per coloro che preferiscono le custom c’è la Thunderbird. Parlando delle custom viene in mente l’Harley Davidson, non una moto ma uno stile di vita, ha tutta la gamma 883 per i possessori della patente A2.

L’oriente ci offre Honda CB 500 o la sportiva Honda CBR, più tranquille Suzuki Inazuma 250 e Yamaha YBR 250 o una delle naked più vendute Kawasaki Z750. Per gli appassionati di enduro c’è la Husqvarna TR 650 in versione Strada e Terra.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Patente A2, occhio ai limiti e alle moto che si possono guidare