Mash 400 Scrambler: economia domestica

Economica, semplice e nel più perfetto stile vintage, Mash 400 Scrambler è agile e perfetta per la città

Le Mash sono moto di produzione cinese, importate da anni in Europa, che hanno dalla loro un prezzo di attacco molto interessante e un prefetto stile vintage. La gamma è fatta di veicoli di piccola cilindrata, partendo dai 50 cc per poi passare ai 125 fino ai 250 (anche con il sidecar) per poi approdare al 400 cc monocilindrico raffreddato ad aria che equipaggia Scrambler e Five Hundred.

Per queste moto dalla meccanica semplice e collaudata, l’obbiettivo non è il raggiungimento della potenza massima o di alte prestazioni – infatti la casa dichiara una potenza di soli 27,6 Cv espressi a 7000 giri al minuto – ma è quello di essere belle e facile da guidare.

Per quello che riguarda il telaio e la ciclistica abbiamo un semplice monoculla sdoppiato in tubi di acciaio accompagnato da una forcella tradizionale da 41 mm. Al posteriore un classico forcellone in acciaio frenato da due ammortizzatori con molle coassiali.

L’impianto frenante, anche esso molto semplice, prevede un mono disco anteriore da 280mm e un classico tamburo posteriore da 160, ABS è legato al solo freno anteriore. Ma i pregi di Scrambler stanno altrove, per esempio nei particolari con i quali è rifinita, come il serbatoio in metallo cromato con le due guance in gomma dove appoggiare le ginocchia e la cinghia in pelle nella parte centrale. Belli anche i cerchi a raggi e la targa porta-numero sopra il faro anteriore tipiche delle moto da fuoristrada degli anni ’60 e ’70; completano la connotazione vintage i soffietti para-polvere alle forcelle.

Ovvio che la possibilità di andare sugli sterrati è piuttosto limitata, sia per conformazione degli pneumatici piuttosto stradali, sia perché la marmitta è piuttosto bassa e quindi esposta ai sassi e ai piccoli urti, anche se d’altra parte regala praticità nell’uso quotidiano. La strumentazione è sufficientemente completa per il tipo di veicolo, dotata in due strumenti circolari di contachilometri e di contagiri a fondo bianco e di un piccolo display lcd con indicazione dei chilometri totali e parziali percorsi. Completano la dotazione sei spie, compresa quella della riserva di carburante. Peccato solo che il contagiri sia tarato fino a 11.000 giri al minuto, regime assolutamente non raggiungibile dal motore e che la linea rossa sia posta a 10.000, ampiamente oltre le possibilità della moto.

In ogni caso il prezzo è molto interessante e si attesta sui 5.290 euro.

Mash Scrambler

MOTORI Mash 400 Scrambler: economia domestica