La libertà di tornare in sella alle nostre moto

Il nostro esperto di moto, Carlo Portioli, è tornato in sella dopo il lockdown.

Carlo Portioli Esperto moto e cultura custom

Sono passati tre mesi che sembrano trent’anni. Un tempo duro che ci ha invecchiato. Un tempo che nessuno si sarebbe mai aspettato di dover vivere, che ha sgretolato affetti, certezze e fiducia. Non sappiamo cosa abbiamo davanti, mentre sappiamo bene cosa ci ha lasciato fino a qui: un immenso, muto dolore.

L’enormità delle vicende, oltre a tante cose più importanti, ha cancellato i primi mesi di giri in moto, ma il weekend appena passato ci ha restituito questa possibilità e allora siamo sciamati fuori dai box come un vespaio impazzito.

Per rivedersi e per tornare a far correre i nostri mezzi. In compagnia abbiamo da festeggiare l’arrivo di un Low Ride S appena ritirato. Rimasto immatricolato e subito dopo sequestrato nel concessionario della zona più colpita d’Italia durante il lockdown. Una moto dalle linee essenziali e perfette agli occhi di chi ama i custom, portata a spasso da un V da 114 ovvero 1865cc.

Oltre alla nuova arrivata c’è un Road Glide Ultra, imponente come un elefante nella savana, uno Switchback , la “convertible” per eccellenza degli anni ’10 e un’altro, inatteso nuovo arrivo: un BMW R1250R, una vera macchina da viaggio acquistata da un amico che di lavoro porta i camion e che per hobby fa altrettanti km in moto. Diciamo che è finita nelle mani giuste. Infine ci sono io con il Bad Boy del ’96.

Lunga, bassa, coda softail ribassata e forcella springer. Motore Evo 1340cc. Su questa moto, bella come non ne fanno più, tutto è essenziale e ruvido. Senti che la manetta del gas tira un filo che fa entrare la benzina nel carburatore S&S e da lì, giù alla camera di scoppio. Tutto quello che succede mentre vai, lo senti nel corpo. Il big block degli Springer Evolution veniva imbullonato al telaio, ferro su ferro, senza supporti elastici, prima dei contralberi e di altre diavolerie che assorbono le vibrazioni. È la prima uscita in moto dell’anno, si va dalla grande pianura verso il lago ai piedi delle montagne.

Non un’idea originalissima nel primo weekend post-lockdown. Le strade sono piene, ma oggi è benvenuto anche il traffico. Tutte le tribù sono corse in strada, le più numerose sono quelle dei Ducatisti, Giessisti e Harleisti, oltre a qualche gruppo di smanettoni giap in livrea verde. Abbiamo un appuntamento sulla punta in cima del lago.

È impossibile perdersi: se giri in un senso il lago sta alla tua sinistra, nell’altro senso alla tua destra. Facile no? No. Con due navigatori impostati ci perdiamo: è la prova inconfutabile che se sbagliar strada fosse un talento, noi saremmo i Led Zeppelin dello sbagliar strada.

Dopo pochi km ho le mani doloranti dalle vibrazioni, quando arrivo a una rotonda a momenti vado in terra perchè non riesco a mettere giù il piede a causa di un’intorpidimento generale dal bacino in giù che sembra mi abbiano fatto l’epidurale.

Sono vecchio per certi mezzi, ma non mollo. La strada si libera, la giornata è bella. Arrivati sulla punta del lago i cartelli indicano le strade per il passo Spluga, St. Moritz e l’Engadina. Per un attimo si accendono i ricordi di quei viaggi verso Garmisch e il raduno BMW Motorrad.

Ora non si può uscire dalla Regione, quelle strade meravigliose e quelle frontiere sono chiuse, l’evento annullato. Niente oggi è uguale a prima, ma la magia della moto per un attimo me lo aveva fatto dimenticare. Si punta verso il basso, traghettiamo, ci fermiamo a mangiare. Niente trattorie, ma solo piadina e birra all’aperto, seduti a distanza di sicurezza sul ciglio della strada lungolago. Stiamo lì e sembriamo vecchie donne di paese che si godono il fresco. Parliamo, ridiamo tanto, guardiamo le moto che passano e le commentiamo.

Dopo tante settimane con un peso opprimente, torniamo a sentirci leggeri. Rientriamo verso casa, ognuno con i propri pensieri ma con una consapevolezza comune: quanto siamo fortunati ad avere la passione per le motociclette, ma soprattutto gli amici con cui condividerla.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI La libertà di tornare in sella alle nostre moto