Kawasaki H2 SX SE, il ritorno delle sport tourer

In controtendenza con il mercato, Kawasaki esce con una super tourer sportiva con la meccanica della H2, per viaggi velocissimi!

Le enduro stradali hanno ucciso le sport tourer, questo si è detto almeno fino a ieri, almeno fino a quando Kawasaki non si è presentata a Eicma 2017 a rimescolare le carte e a dirci che quel mercato esiste ancora, che c’è ancora spazio per chi vuole andare forte, ben protetto aerodinamicamente e vuole un semimaubrio tra le mani!

Sulla base meccanica della SX non si discute, il quattro cilindri 1000 con compressore centrifugo della H2 spara 200 Cv tondi tondi a 11.000 giri e offre una coppia, tutt’altro che disprezzabile, di 14 Kgm a 9.500 giri al minuto. Il compressore volumetrico dà corpo a questo motore anche in basso, e con una progressione impressionante. L’intento di  Kawasaki è quello di coniugare una moto velocissima in autostrada, tanto che viene definita come “la moto più veloce sulle Autobahn” con una buona agilità nel misto grazie a una ciclistica studiata appositamente per questo modello.

Anche sul cambio a sei rapporti c’è poco da dire, utilizza anche un quickshift bidirezionale con una tecnologia mutuata dalle corse (MotoGP) per rendere la cambiata ancora più rapida. Per il pilota abbiamo a disposizione un grande plexi molto protettivo e una sella molto ben finita e adeguatamente imbottita, l’anima da sportiva esce con le pedane che sono piuttosto ravvicinate da vera supersport ma che obbligano a una posizione di guida piuttosto raccolta.

In Kawasaki hanno lavorato molto sul telaio offrendo in questa versione un telaio a traliccio di tubi ridisegnato e abbassato rispetto alla H2 per offrire maggiore abitabilità al passeggero e permettere l’utilizzo delle borse laterali. Quanto a elettronica su questa H2 non manca nulla: piattaforma inerziale con controllo di trazione e della stabilità, differenti power mode, e – prima volta su una sport tourer Kawasaki – anche il cruise control. La filosofia “Rideology” di Kawasaki che si concentra anzitutto su chi guida, si manifesta anche nel quadro strumenti, decisamente completo con contagiri analogico coronato dalle spie luminose e corredato da un display TFT a colori per tutte le altre info. Rispetto a SX standard, la versione SE offre due valige da 28 litri coordinate con la carrozzeria e dotate di borsa interna.

I colori disponibili sono due: il bicolore Emerald Green Kawasaki in combinazione con il Metallic Black oppure il monocolore Metalic Carbon Grey con inserti opachi. Il prezzo è di 23.690 Euro per la SE e di 21.490 per la versione base.

Kawasaki H2 SX

MOTORI Kawasaki H2 SX SE, il ritorno delle sport tourer