Honda CTX 1300 2014, la nuova cruiser-tourer da urlo. Foto

Il motore è un V4 da 84,3 CV, ma la coppia sorprende: 106 Nm per spostare i 338 Kg

Honda ha presentato a EICMA 2013 ben tredici novità, ed una di queste è la Honda CTX 1300. Si tratta di una ammiraglia di una nuova gamma, CTX, sigla che ha il significato di "Comfort”, “Tecnologia” ed “eXperience”.

Novità nel segmento delle Cruiser-Touring, ha un look ispirato all’“Horizontal Dynamic” della Gold Wing F6B, con la parte anteriore massiccia (gli indicatori di direzione sono integrati nella carena) ed il parabrezza corto. Il manubrio è largo ed arretrato, la sella è rigorosamente bassa e grossa, con le pedane avanzate.

Di serie sono previste le valigie laterali e le manopole riscaldabili (cinque posizioni). Non manca l’impianto stereo, formato da due altoparlanti, dotato di radio, collegamento iPod, lettori Mp3 e smartphones; il tutto, è poi proiettato sul display LCD centrale.

La strumentazione è formata da un tachimetro e dei contagiri analogici, posti sui due lati e contornati dalle spie di servizio, mentre al centro è posizionato un display che offre le varie informazioni di bordo. I gruppi ottici, sia anteriori che posteriori sono del tipo full-LED e di serie abbiamo gli indicatori di direzione a disattivazione automatica.

Due le colorazioni previste: Darkness Black Metallic e Pearl Sunbeam White.

Veniamo ora la cuore della CTX1300, formato dal motore della Pan-European, un V4 di 90° longitudinale da 1.261cc.

La distribuzione è bialbero a 16 valvole e il raffreddamento a liquido. L’aggiornamento, alla ricerca di coppia e potenza ai bassi e medi regimi, vede un nuovo impianto di scarico 4-2-2. Gli ingegneri Honda sono poi intervenuti revisionando la distribuzione, modificando la fasatura degli alberi a camme.

Il “resto”, è stato modificato tramite un aggiornamento completo delle mappature del sistema di alimentazione a iniezione elettronica Honda PGM-FI e dei corpi farfallati ad essa associati. La potenza massima si attesta in 84,3 CV a 6.000 giri/min, ma è la coppia ad impressionare: 106 Nm a soli 4.500 giri/min.

Rivisto anche il cambio, a cinque rapporti, mentre la frizione è a comando idraulico. Abbiamo poi di serie il controllo di trazione Honda Traction Control System.

Il telaio della CTX1300 è una nuova struttura in acciaio a doppia culla aperta dove il motore funge da elemento stressato. L’inclinazione del cannotto di sterzo è fissata a 28°30’ e l’avancorsa è di 118 mm per un interasse di 1.645 mm. Il forcellone, particolarmente lungo (690 mm), è in alluminio è “lavora” in simbiosi con due ammortizzatori regolabili nel precarico delle molle.

All’anteriore troviamo invece una forcella rovesciata con steli da 43mm. Il peso con il pieno di benzina ferma l’ago della bilancia a 338 kg. I cerchi sono in alluminio e a cinque razze sdoppiate: l’anteriore calza pneumatici da 130/70-R18, mentre il posteriore è da 200/50-R17.

L’impianto frenante è dotato del noto C-ABS (Combined ABS) che oltre all’antibloccaggio prevede l’azione combinata dal posteriore verso uno dei pistoncini di una delle pinze anteriori. La sella è posta a soli 735 mm da terra e davanti a questa troviamo il serbatoio che ha una capacità di 19,5 litri.

(a cura di OmniMoto.it)


 

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Honda CTX 1300 2014, la nuova cruiser-tourer da urlo. Foto