Energica Ego, la moto elettrica italiana raggiunge i 240 Km/h. Foto

Pronta per andare in produzione, ha un'autonomia di circa 150 Km ad una media di 80 Km/h

Agli appassionati di moto elettriche, il nome Energica, non è certo nuovo. Si tratta infatti della prima ed unica supersportiva italiana che sfrutta delle batterie come alimentazione. Progettata dalla CRP, non è dunque una novità, e dopo aver portato a termine un’esteso programma di test di sviluppo e validazione dei prototipi, è pronta in veste definitiva. Cambia però il nome, che guadagna ora la parola “Ego”.

I dati definitivi parlano di un motore sincrono PMAC raffreddato ad olio capace di ben 195 Nm di coppia e 100 Kw di potenza massima, dati che le permettono di raggiungere la velocità di 240 km/h. L’autonomia dichiarata da CRP è di 150 Km ad una media di 80 Km/h e le batterie possono essere ricaricate in 3,5 ore con corrente alternata oppure in meno di 30 minuti all’80% in corrente continua.

L’accumulatore ha una capacità totale di 11,7 Kwh. A “frenare” l’Energica Ego, un’impianto frenante griffato Brembo, mentre il sistema ABS è della tedesca Bosch (è di serie e con un anno in anticipo rispetto alla normativa UE). Precisiamo poi, che l’Energica Ego è l’unica moto elettrica al mondo ad integrare il Sistema ABS sin dalla prima release.

In tema di energia ecosostenibile, CRP ha messo in luce anche i partner del progetto che hanno sposato la causa dell’elettromobilità italiana: Enel, Efacec, Cobo e Phoenix Contact. Queste aziende, insieme a CRP, hanno mostrato una serie di eventi volti a far conoscere più da vicino la mobilità elettrica, la sua tecnologia e le modalità di ricarica. Erano infatti presenti le colonnine di ricarica di Enel (da 3,5 a 20kw) ed Efacec, la EV QC20, e le loro modalità di ricarica su Energica grazie alla presa veicolo / Inlet CCS sviluppata da Phoenix Contact E-Mobility GmbH.

Oltre a questo, era presente Vodafone Italia, con la quale CRP ha sviluppato in collaborazione una piattaforma di controllo unica che consentirà di gestire la diagnostica, la sicurezza e i servizi personalizzati ad alto valore aggiunto. Questo dispositivo di comunicazione sarà basato sullo standard Bluetooth e UMTS/GPRS. Il veicolo sarà quindi in grado di offrire servizi di connettività "short range" e "long range".

(a  cura di OmniMoto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Energica Ego, la moto elettrica italiana raggiunge i 240 Km/h. Fo...