Zero smog: a Torino arriva il primo sistema per depurare l’aria

Zero smog è l'ambizioso progetto che prende il via nel capoluogo piemontese con l'installazione di dispositivi destinati a rivoluzionare la qualità della vita

Zero smog è uno dei programmi migliori che si potessero regalare al Pianeta. Iniziato il 15 giugno scorso, prende il nome di Pure Air Zone con l’impianto delle primissime centraline ecologiche nei Giardinetti di Corso Svizzera a Torino. Una scelta importante questa, che ha permesso di catturare le sostanze inquinanti causate principalmente da consumi ed emissioni delle automobili, e trasformarle in sostanze innocue per l’uomo. Il processo biotecnologico completamente naturale, sviluppato dall’azienda U-earth con il Torino Living Lab, riesce a riprodurre fedelmente il sistema adottato dal Pianeta per ripulire l’atmosfera dagli agenti inquinanti e tossici per l’uomo.

Le sostanze inquinanti vengono attratte all’interno delle centraline attraverso una carica elettrica molecolare, e date in pasto a microorganismi che si nutrono di queste particelle, senza produrre scorie dannose. Una volta ripulita, l’aria viene rilasciata nuovamente nell’ambiente dai depuratori AIRcel. Le centraline U-monitor rilevano i dati ogni cinque minuti, fornendo informazioni preziose per la salute sia al personale addetto sia ai privati cittadini. Unendo al progetto Zero smog, una politica di mobilità sostenibile, potremmo avere risultati importanti sulla qualità dell’aria.

I dati raccolti vengono successivamente analizzati per stabilire i momenti in cui vi sono i picchi maggiori e i parametri delle ore notturne. Quest’innovativo sistema permette così di avere aria più pulita, risolvendo contemporaneamente il problema legato allo smaltimento degli agenti inquinanti. In realtà questa tecnologia è presente nel nostro Paese già da otto anni, durante i quali i depuratori sono stati utilizzati in numerosi complessi industriali e ospedalieri. Torino rappresenta la prima sperimentazione delle centraline in ambito urbano, la prima sfida in cui la tecnologia viene impiegata per combattere l’inquinamento cittadino.

“Pure Air Zone” ha già portato notevoli miglioramenti alla qualità della vita. Aperta a tutti, è divenuta in pochi giorni un vero e proprio polmone verde della città, dove hanno trovato rifugio e sollievo tutti coloro che soffrono di disturbi delle vie respiratorie legati all’eccessiva presenza di smog all’interno del capoluogo piemontese. Riuscirà la tecnologia a sopperire alla trascuratezza che l’uomo ha avuto verso l’ambiente per troppi anni? Sembra proprio che le centraline U-monitor, insignite del premio Smau innovazione 2016, siano in grado di riportare la città a livelli più vivibili.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Zero smog: a Torino arriva il primo sistema per depurare l’...