Nuovo Dpcm: patente auto in scadenza, c’è un aggiornamento

Nell'ultimo DPCM emesso dal Governo è stato inserito un emendamento che introduce una proroga per il rinnovo delle patenti scadute.

Chi ha la patente auto in scadenza non deve preoccuparsi. Nell’ultimo DPCM emesso dal Governo è stato inserito un emendamento che introduce una proroga per il rinnovo delle patenti scadute o in scadenza su tutto il territorio nazionale, indipendentemente dalla regione in cui si ha la propria residenza.

Il nuovo termine passa così dal 31 dicembre 2020 al 30 aprile 2021. Una scelta dettata dall’attuale situazione del Paese sia per agevolare gli automobilisti che il lavoro della motorizzazione.

Ogni quanti anni rinnovare la patente?

In base all’età variano anche le tempistiche di rinnovo:

  • Rinnovo ogni 10 anni fino all’età di 50 anni
  • Rinnovo ogni 5 anni per età comprese tra i 50 e i 70 anni
  • Rinnovo ogni 3 anni per età comprese tra i 70 e gli 80 anni
  • Rinnovo ogni 2 anni per età superiori agli 80 anni

Quali sono i documenti richiesti per il rinnovo della patente

Per il rinnovo della patente è necessario possedere alcuni documenti e produrne alcuni. Se vogliamo procedere in modo autonomo al rinnovo della patente di guida dobbiamo effettuare due versamenti in posta, dove troveremo dei bollettini precompilati. Gli stessi bollettini sono reperibili negli uffici della motorizzazione civile. Uno sarà dell’importo di 10,20 euro intestato al Dipartimento dei Trasporti Terrestri sul C/C 9001, l’altro avrà un importo di 16,00 euro a titolo di imposta di bollo sul C7C 4028.

Visita medica obbligatoria

La visita medica è indispensabile per attestare la perfetta salute psico-fisica del soggetto ed è necessaria per conseguire correttamente il rinnovo. La visita medica si paga direttamente in sede di controllo e il suo costo varia in base alla struttura a cui ci si rivolge; è necessario possedere e mostrare patente di guida, carta d’identità valida o passaporto, tessera sanitaria, due foto formato tessera uguali e la ricevuta dei due bollettini pagati in posta di 10,20 euro e 16 euro.

Nel caso in cui il soggetto faccia abitualmente uso di occhiali da vista è necessario portarli alla visita. La visita medica la si può prenotare alla ASL presente nel territorio di residenza o in alternativa ci si può rivolgere ad uno studio medico autorizzato dalla motorizzazione, nel quale caso troveremo una lista di medici autorizzati proprio alla motorizzazione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuovo Dpcm: patente auto in scadenza, c’è un aggiornamento