Come fare lo SPID: la chiave per avere il Bonus Mobilità

Per fare la richiesta del Bonus servirà lo SPID, per poter entrare nella piattaforma del Ministero dell’Ambiente

Abbiamo parlato tanto in queste settimane del Bonus Mobilità, presto il Ministero dell’Ambiente metterà a disposizione di tutti gli utenti che ne vogliono, e possono, usufruire, una piattaforma dedicata a questo incentivo statale.

Per chi ancora non lo sa, il Bonus Mobilità è stato varato nell’ambito del nuovo Decreto Rilancio ed è previsto per tutti i cittadini maggiorenni che risiedono in Comuni che hanno almeno 50mila abitanti oppure nei capoluoghi di regione o di provincia e nelle città metropolitane (anche al di sotto di questa soglia). In particolare prevede uno sconto, o rimborso per chi ha già fatto l’acquisto dal 4 maggio 2020 in poi, su alcuni mezzi quali biciclette, e-bike, monopattini elettrici e hoverboard, pari al 60% della spesa effettuata, fino ad una cifra massima di 500 euro.

Per ottenere il rimborso, sarà necessario caricare la fattura sul portale del Ministero dell’Ambiente, nell’apposita sezione; chi invece ancora non ha comprato il suo mezzo, potrà scaricare un buono digitale dalla piattaforma. Presentando questo coupon al venditore, potrà usufruire dello sconto al momento dell’acquisto. C’è però una cosa fondamentale da sapere, non basterà una semplice procedura di registrazione online, ma la chiave di accesso sarà lo SPID. La richiesta non è per tutti facile e rapida, per quello in questi giorni conviene portarsi avanti.

Per chi non lo sapesse, SPID è acronimo di Sistema Pubblico di Identità Digitale, in effetti è un meccanismo di identificazione che serve per accedere a tanti servizi della Pubblica Amministrazione con lo stesso account. Per intenderci, ne ha avuto bisogno anche chi ha chiesto il Bonus Seggiolino per i dispositivi in auto, o il Bonus Cultura e altro. Chi non ne è già in possesso invece deve registrare e rendere operative le credenziali. Per farlo servono la carta d’identità e la tessera sanitaria, vengono richiesti poi il numero di telefono e l’indirizzo di posta elettronica; ogni utente sceglie un identity provider per il riconoscimento.

I provider sono piattaforme online che danno la possibilità agli utenti di ottenere un’identità digitale, tra questi ci sono ad esempio Aruba, Intesa, Poste Italiane, Sielte, Tim e altri, basta sceglierne uno, dopodiché all’utente viene comunicata la modalità di riconoscimento, che potrebbe essere un appuntamento di persona per concludere la registrazione, oppure anche una videochiamata comodamente da casa con webcam. Se hai intenzione di comprare quindi una bici, una e-bike o un monopattino elettrico, oltre a imparare le regole per guidare questi mezzi, provvedi ad ottenere il tuo SPID e approfitta del Bonus.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Come fare lo SPID: la chiave per avere il Bonus Mobilità