In viaggio per le vacanze? Ecco come combattere il mal d’auto

Alcuni semplici ma utili consigli per combattere il fastidiosissimo 'mal d'auto'

Partire per i luoghi di vacanza rappresenta un momento che tutti sognano, facendo il conto alla rovescia dei giorni lavorativi che restano prima dell’agognato ‘via libera’ per i luoghi di villeggiatura. Purtroppo certe volte questi viaggi diventano una vera e propria sofferenza a causa del terribile ‘mal d’auto’, che affligge tantissimi italiani.

La cinetosi (questo il nome clinico della ‘malattia da movimento’), è un disturbo neurologico che molte persone patiscono in seguito a spostamenti ritmici o irregolari del corpo durante il moto. Come funziona? Solitamente la posizione che il corpo umano occupa in un determinato spazio è regolata dal cosiddetto labirinto, un organo situato all’interno dell’orecchio.

Quando si sta seduti su una sedia a casa non ci sono ovviamente problemi ma a bordo di una vettura, questo organo è continuamente stimolato dal movimento del veicolo, con stimolazioni che non sono però coordinate con le informazioni fornite dalla vista, che non segue la strada, mentre gli occhi non risentono di questa situazione perché il mezzo si muove con il passeggero.

Così il corpo avverte uno squilibrio nelle sensazioni che giungono al cervello, che risponde liberando sostanze come l’adrenalina e la vasopressina, responsabile della nausea e del vomito, ovvero proprio i tradizionali fastidi associati con il mal d’auto.

Cosa fare per evitare che il viaggio diventi una sorta di tortura, specialmente per i bambini e gli adulti più sensibili? Basta seguire pochi accorgimenti, consigliati da Assosalute.

1) Cambiare costantemente l’aria all’interno dell’auto – L’aria viziata favorisce la sensazione di nausea. Per lo stesso motivo, evitare di fumare in auto e non tenere una temperatura dell’aria condizionata troppo bassa, quindi non inferiore ai 23 gradi.

2) Mangiare cibi secchi – Cracker, biscotti secchi, pane (non oleoso né focaccia) aiutano a combattere il senso di nausea. Evitare, quindi sia di bere troppo riempiendo lo stomaco di luquidi, peggio ancora se con bevande gassate. Possono invece tornare utili anche le caramelle, soprattutto allo zenzero, che combattono la nausea.

3) Seguire con gli occhi il movimento della strada – Così facendo si aiuterà il cervello ad allineare le informazioni della vista con quelle del labirinto dell’orecchio. Anche per questo, per chi soffre di mal d’auto è consigliabile occupare i sedili posteriori mentre è assolutamente sconsigliato leggere o guardare troppo a lungo il telefonino.

4) Fare soste – Scendere per sgranchirsi le gambe, fare quattro passi e respirare aria fresca è utile per riprendersi.

5) Prendere farmaci anti-nausea – Nelle farmacie – ma non solo – si possono acquistare diversi prodotti che combattono il mal d’auto. Nella maggior parte dei casi di tratta di farmaci di automedicazione o da banco, ossia quelli senza obbligo di prescrizione, riconoscibili grazie al bollino rosso che sorride sulla confezione e acquistabili senza ricetta medica. Solitamente è meglio prenderli prima di partire perché si tratta prevalentemente di antiemetici che agiscono in circa mezzora e restano attivi per un periodo dalle 3 alle 6 ore.

Attenzione però a ques’ultimo suggerimento, perché questi farmaci contengono sostanze come il dimenidrinato che agiscono sui recettori H1 del cervello e, quindi, limitano la risposta agli stimoli del labirinto ma favoriscono anche una certa sonnolenza. Meglio quindi che non ne faccia uso chi si mette al volante, anche se, proprio perché chi guida osserva con gli occhi la strada, è difficile che sia soggetto a mal d’auto.

Ricordiamo infine che questi consigli contro il mal d’auto possono tornare efficace anche per chi soffre di mal di mare o mal d’aria, che si basano sullo stesso meccanismo della ‘cinetosi’, anche se si potrebbe essere più sensibili ad un mezzo di trasporto piuttosto che ad un altro. E ora, possiamo dirlo: buon viaggio!

MOTORI In viaggio per le vacanze? Ecco come combattere il mal d’au...