Vetro dell’auto appannato: stop con questi metodi

Durante l’inverno molto spesso ci ritroviamo con i vetri dell’auto appannati, che rendono complessa la visibilità all’esterno: vediamo cosa fare

Quali sono le cause dei vetri appannati dell’auto durante l’inverno? E quali invece le soluzioni possibili? Sicuramente è bene evitare alcune abitudini che potrebbero peggiorare il problema, ma vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Innanzitutto è fondamentale essere a conoscenza del fatto che esistono anche dei metodi che prevengono la fastidiosa formazione di questo fenomeno durante la stagione fredda, e non solo che la risolvono. D’inverno comunque è normale vedere apparire la condensa sul parabrezza e sui vetri della macchina, e questo rende la visibilità della strada difficoltosa.

Perciò guidate solo coi vetri completamente puliti e privi di condensa, e seguite alcuni consigli utili per evitare questo problema, più frequente quando il clima è piovoso o anche solo umido.

Vetri dell’auto appannati: le cause

La differenza tra la temperatura esterna e interna del veicolo è il motivo principale per cui i vetri si appannano. Si forma questa fastidiosa condensa nel momento in cui l’umidità interna si raffredda improvvisamente e va a finire sui vetri.

Come eliminare la condensa dai vetri dell’auto appannati

Ci sono differenti metodi utili per spannare il parabrezza, il lunotto e gli altri vetri della macchina. Innanzitutto il nostro primo consiglio è quello di cercare di prevenire l’umidità. Come? L’unico modo è avviare l’auto e lasciarla girare al minimo alcuni minuti. Il motore si scalda e quindi la temperatura dentro l’auto sale tanto da rendere possibile il disappannamento dei vetri.

Il metodo più frequente è senza dubbio usare l’aria condizionata, si tratta della soluzione più veloce ed efficiente. Attraverso l’aria calda infatti l’acqua accumulata sui vetri evapora rapidamente. Molti modelli di auto (se non tutti) sono dotati di una speciale funzione che permette al condizionatore di indirizzare l’aria direttamente sul parabrezza, proprio a questo scopo.

Un altro consiglio pratico? Fare in modo che parabrezza e finestrini siano sempre puliti. Lavarli periodicamente aiuta a prevenire l’appannamento dei vetri, e questo garantisce quindi una buona visibilità all’esterno da parte del guidatore, in qualsiasi condizione.

E infine, sarebbe bene mantenere l’abitacolo ben asciutto. Se decidete quindi di lavare gli interni della vostra auto, assicuratevi poi che i sedili, i tappetini e gli altri elementi siano ben asciutti, soprattutto durante l’inverno e l’autunno. Lo stesso vale nelle giornate di pioggia, quando l’abitacolo può rimanere umido per molti giorni. Sarebbe bene usare una stufetta elettrica per far evaporare tutti i residui di umidità. Attenzione: lasciate comunque i finestrini dell’auto leggermente aperti.

I prodotti utili per prevenire l’appannamento dei vetri dell’auto

Oltre ai consigli utili visti sinora, esistono anche dei rimedi che possono prevenire la formazione di umidità all’interno dell’abitacolo e quindi di condensa su tutti i vetri.

Il primo rimedio “della nonna” è questo: riempire una calza con cristalli di silicio, quelli che in genere vengono venduti al dettaglio per la lettiera dei gatti. Chiudete il calzino con un nodo, mettetelo nell’altra calza e annodate ancora. Tenetelo sempre in auto, preferibilmente vicino ai finestrino: eviterà la formazione della condensa sui vetri.

Esistono altrimenti molti spray antiappannamento in commercio, ma è possibile crearli anche a casa autonomamente, basta mixare una parte di aceto bianco e due di acqua e il gioco è fatto.