Revisione scaduta: cosa rischi e quali sono le sanzioni

Dimenticare di rinnovare la revisione auto porta ad un’irregolarità amministrativa per legge e multe salate

La revisione auto è un obbligo a cui ogni automobilista deve far fronte per essere in regola e evitare sanzioni salate.

Oltre a fenomeni di dimenticanza, che portano comunque ad un’irregolarità dal punto di vista amministrativo per legge, si verificano anche purtroppo molti fenomeni di irregolarità volontaria, la cosiddetta revisione fantasma. I dati indicano circa 200.000 veicoli ogni anno che non sono mai stati revisionati o che hanno svolto la verifica solo alcune volte.

Innanzitutto chiariamo di cosa si tratta, la revisione auto è prevista dall’art. 80 del Codice della Strada e prevede il controllo del veicolo periodicamente, ad una scadenza fissa. Dal 2012 inoltre viene rilasciato anche il bollino blu, che riguarda il controllo del gas di scarico, e che deve essere effettuato con la revisione. Ci sono differenti officine autorizzate che effettuano revisione auto oppure è possibile rivolgersi agli uffici della Motorizzazione Civile. In entrambi i casi si deve compilare e pagare un bollettino apposito, che però ha dei costi differenti, nelle officine l’importo è di 65,25 euro, mentre in motorizzazione di pagano 45,00 euro.

La revisione auto per i mezzi nuovi, deve essere fatta dopo quattro anni dalla prima immatricolazione, mentre per le successive e quindi per tutte le vetture usate, la scadenza è di due anni. Grazie alla digitalizzazione oggi ci sono modi differenti di controllare la revisione dell’auto, se prima si poteva verificare solo guardando il libretto di circolazione, oggi basta semplicemente registrarsi al portale dell’automobilista e richiedere tutte le informazioni che si vogliono sapere, compresa la scadenza della revisione. Oltretutto oggi sia la Motorizzazione che le officine mandano lettere a casa oppure sms, mail o qualsiasi altro mezzo utile.

Se ci si accorge che la revisione auto è scaduta, allora è necessario procedere immediatamente con la revisione e risolvere il problema. Si raccomanda di tenere ferma l’auto, perché a seguito di un controllo si rischiano multe anche molto elevate. La circolazione con la revisione scaduta è vietata, è necessario fermare il veicolo e prenotare il controllo, viaggiando unicamente il giorno in cui si deve fare appunto la revisione con il foglio che viene rilasciato e che lo possa provare.

Una delle cose peggiori che possa succedere ad un’automobilista che viaggia senza revisione auto è trovarsi nel bel mezzo di un incidente. Innanzitutto la compagnia assicurativa potrebbe esercitare il diritto di rivalsa sul proprietario del mezzo. Ovviamente poi ci sono le multe salate da cui non si può certamente scappare. La somma da pagare in questi casi è compresa tra i 169 e i 679 euro, oltre al fatto che il veicolo non potrà circolare finché non sarà avvenuta la regolarizzazione. Se l’auto poi dovesse rimanere nella stessa situazione allora le somme potrebbero arrivare a toccare cifre davvero molto alte, tra i 1975 e i 7953 euro. In caso di ulteriori accertamenti la sanzione raddoppia e si rischia anche il fermo amministrativo della vettura fino a novanta giorni.

C’è chi produce anche falsa revisione auto, purtroppo, quindi va detto che questo caso particolare comporta il pagamento di una sanzione compresa tra 398 e 1.596 euro, con il rischio anche di incorrere al nel ritiro della carta di circolazione.

MOTORI Revisione scaduta: cosa rischi e quali sono le sanzioni