PROMO

Pneumatici invernali: come scegliere quelli giusti

La legge impone l’obbligo di montare gomme termiche dal 15 novembre al 15 aprile di ogni anno. Ecco come scegliere le più adatte

È scattato il 15 novembre, a livello nazionale, l’obbligo di legge di circolare sulle strade con catene o pneumatici invernali.

L’obbligo durerà fino al 15 aprile 2020, vige solo su determinate strade a rischio neve e ghiaccio, deve essere segnalato con apposita segnaletica stradale verticale, e in alcune regioni con clima particolarmente rigido come la Val d’Aosta è in vigore già dal 15 ottobre.

Non rispettare l’obbligo di circolare con le gomme termiche (oppure con le catene da neve a bordo) può costare caro. La sanzione amministrativa e la relativa multa variano da un minimo di 41 euro ad un massimo di 168 euro, nei centri abitati, e da un minimo di 84 euro ad un massimo di 335 euro fuori città. È arrivato il momento, quindi, di scegliere le gomme invernali.

Come scegliere gli pneumatici invernali

I dati importanti, quando parliamo di pneumatici invernali, sono soprattutto la tenuta sul bagnato, l’efficienza energetica e la rumorosità da rotolamento. La tenuta di strada sul bagnato si misura in classi, dalla A alla F: tra una gomma invernale di classe A e una di classe F ci sono fino a 18 metri di differenza nello spazio di frenata. Allo stesso tempo, gli penumatici invernali di classe A hanno una efficienza energetica molto maggiore (cioè consumi di carburante minori): il consumo di carburante sale di circa 0,10 l/100 km man mano che scendiamo di classe. La rumorosità di una gomma invernale viene espressa sull’etichetta in decibel (dB) e con una, due o tre barrette, ed è sempre maggiore di quella di una gomma estiva perché il battistrada è più scolpito. Tuttavia, l’uso di speciali mescole può ridurre notevolmente il rumore emesso dagli pneumatici invernali di alta gamma.

Quali pneumatici invernali scegliere

Negli ultimi anni la tecnologia applicata alle gomme invernali ha fatto passi da gigante e, con essa, anche la possibilità di scelta grazie a numerosi modelli disponibili sul mercato. Continental, forte di un reparto di ricerca e sviluppo tra i più avanzati al mondo, è in grado di offrire soluzioni innovative su tutta la gamma di pneumatici, gomme invernali in particolare.

I Continental ContiWinterContact TS 850 con tecnologia ContiSeal, ad esempio, si autoriparano in caso di forature fino a 5 millimetri di diametro (la tipica foratura da chiodo), offrendo performance di guida identiche a quelle di uno pneumatico classico.

I Continental WinterContact TS 850 P integrano la tecnologia PowerSipes, quindi hanno i bordi più rigidi per migliorare la guidabilità su strade con molte curve. Anche su questo pneumatico troviamo la tecnologia ContiSeal.

I Continental WinterContact TS 860, grazie alla speciale mescola Cool Chili, garantiscono prestazioni superiori in frenata e aderenza sul bagnato.

I Continental WinterContact TS 860 S, invece, sono pneumatici UHP (Ultra High Performance, per le auto di segmento alto e per le sportive). Permettono di guidare per 80 chilometri ad una velocità massima di 80 km/h in caso di foratura, hanno un basso rumore di rotolamento e grazie alla tecnologia PrecisionPlus, offrono in più una migliore trazione sulla neve, grazie alle lamelle metalliche più vicine tra loro e con angolo maggiorato.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Pneumatici invernali: come scegliere quelli giusti