Moto.app #bastabuche: ecco la prima applicazione per segnalare buche

Nasce in Italia la prima applicazione che segnala irregolarità dell'asfalto ai motociclisti

Novità dal mondo degli smartphone per migliorare la sicurezza stradale. Un’applicazione sarà infatti in grado di impostare tragitti, monitorare lo stile di guida, dare la possibilità di analizzare dati e informazioni e di condividerli con altri guidatori, ma soprattutto di segnalare eventuali problematiche legate alla sicurezza, come le buche che sempre più spesso provocano incidenti tra i motociclisti.

Con questi intenti è nata Moto.app, fortemente voluta da Confindustria e Ancma, Associazione Nazionale Ciclo, Motociclo e Accessori: si tratta della prima applicazione Made in Italy pensata per rispondere alle esigenze di chi preferisce i veicoli a due ruote alle auto. Attraverso l’interfaccia dell’applicazione, il guidatore riuscirà a monitorare il suo stile di guida e a migliorarlo, condividendo le segnalazioni relative alle buche presenti sul manto stradale sia con gli altri guidatori che con le istituzioni. A rendere più realistica l’entità delle buche e la sua identificazione saranno le fotografie che gli utenti potranno scattare e la geolocalizzazione in tempo reale.

«Il nostro obiettivo – sostiene il presidente dell’Ancma Andrea Dell’Orto – resta principalmente l’aumento della sicurezza sulle strade, una nostra priorità che perseguiamo con l’attività istituzionale. L’app che abbiamo studiato e ideato amplica in modo tecnologico questo orizzonte e tende ad arricchirlo attraverso un contributo educativo che migliori il comportamento dei motociclisti». Moto.app è un’applicazione gratuita e già presente sul Play Store: il motociclista che deciderà di scaricarla dovrà inserire la targa e la data di nascita o, nel caso di aziende, sarà sufficiente inserire la partita IVA.

Sarà poi possibile registrare il tragitto, tracciando il percorso e fotografando le buche e condividendo le informazioni con gli altri motociclisti, in modo tale da formare una rete informativa che migliori la sicurezza stradale. Per questo, all’interno della sezione moto.lab dell’app sviluppata dalla società milanese B2C Innovation è presente la funzione #bastabuche, nata per sensibilizzare l’opinione pubblica e i centauri sui rischi d’incidente legati alla presenza di asfalto irregolare o di buche, come sottolineato da Alessio Pitidis, esperto dell’Istituto Superiore della Sanità in materia di controllo e prevenzione degli incidenti. Secondo i dati forniti dalla Polizia e dai Carabinieri all’EICMA, infatti, nel 2017 le vittime della strada sono aumentate ed è tornato a crescere anche il numero di decessi tra i motociclisti.

MOTORI Moto.app #bastabuche: ecco la prima applicazione per segnalare bu...