Le auto ibride devono pagare il bollo?

Scopri le regioni d'Italia in cui si deve pagare il bollo delle auto ibride e quando effettuarlo

Per il bollo delle auto ibride, spetta alle singole regioni decidere quali misure adottare. In molte zone è possibile beneficiare di un’esenzione triennale, in altre invece si può evitare il pagamento della tassa automobilistica per i primi 5 anni, mentre in alcune regioni bisogna pagare l’intero importo. Ma allora quando le auto ibride devono pagare il bollo?

Esenzione bollo auto ibride regione per regione

Il bollo auto è un tributo regionale che viene calcolato in base alla potenza e alle emissioni del veicolo. L’esenzione dal bollo delle auto ibride è a discrezione delle diverse regioni. Vediamo nel dettaglio cosa prevede la normativa regione per regione.

Veneto

Dal 2014, in Veneto, le auto ibride con doppio motore elettrico/benzina ed elettrico/diesel sono esentate dal pagamento del bollo per tre anni. Possono usufruire di questa agevolazione anche le vetture con propulsare benzina/idrogeno.

Trentino Alto Adige

Nella Provincia Autonoma di Trento è prevista un’esenzione di cinque anni per le vetture ibride con alimentazione a metano e benzina, benzina e GPL, benzina ed elettriche. Passati i cinque anni, i proprietari di auto ibride pagano una cifra ridotta di un quarto rispetto alla tariffa ordinaria.

Nella Provincia Autonoma di Bolzano, invece, le auto ad alimentazione doppia, quelle elettriche, a idrogeno e a GPL o metano, beneficiano di un’esenzione di tre anni.

Friuli Venezia Giulia

In questa regione la tassa automobilistica non è gestita dall’Aci ma dall’Agenzia delle Entrate e non è prevista alcuna agevolazione sul bollo auto.

Lombardia

In Lombardia è previsto uno sconto del 50% sul bollo delle auto ibride per i primi cinque anni.

Piemonte

Il Piemonte prevede l’esenzione dal bollo auto per 5 anni, a partire dalla data di immatricolazione del veicolo ibrido. La potenza del motore termico però non deve essere superiore a 100 kW.

Valle d’Aosta

La Regione Autonoma della Valle d’Aosta offre 5 anni di esenzione e il primo bollo auto deve essere pagato a partire dal sesto anno. La misura è valida al momento per le vetture a propulsione ibrida benzina/elettrica e a idrogeno, immatricolate fino al 31 dicembre 2022.

Liguria

In Liguria è possibile usufruire di un’esenzione di cinque anni per i veicoli a basso impatto ambientale, che comprende le vetture benzina/elettriche, benzina/idrogeno e gasolio/elettriche immatricolate dal 1° gennaio 2016.

Emilia Romagna

In Emilia Romagna non si paga il bollo dei veicoli ibridi per tre anni, anche se occorre versare la tassa e poi richiedere il rimborso tramite il portale della regione.

Toscana

In questa regione le auto ibride pagano il bollo, mentre le macchine elettriche non pagano la tassa automobilistica per i primi cinque anni, poi l’importo viene ridotto a un quarto.

Marche

Nelle Marche è prevista l’esenzione dal pagamento del bollo delle auto ibride per i primi sei anni. L’esenzione riguarda i veicoli con propulsione benzina/elettrica, gasolio/elettrica o benzina/idrogeno, immatricolati durante tutto il 2021.

Lazio

I residenti della regione Lazio possono comprare una vettura ibrida e non pagare il bollo per i primi tre anni. Questa agevolazione è valida per le macchina ad alimentazione benzina/elettrica o benzina/idrogeno, mentre per i veicoli elettrici l’esenzione ha validità quinquennale.

Umbria

In Umbria le auto ibride pagano il bollo e solo le macchine 100% elettriche possono usufruire dell’esonero quinquennale dalla tassa automobilistica.

Molise

In Molise le auto ibride non pagano il bollo per i primi due anni. Possono usufruire di questa agevolazione tutte le macchine a doppia alimentazione termica/elettrica e le vetture bifuel GPL o metano.

Abruzzo

Chi acquista un’auto ibrida immatricolata entro il 31 dicembre 2021, in Abruzzo può usufruire di un’esenzione triennale.

Campania

In Campania non si paga il bollo di un’auto ibrida per i primi tre anni. Le vetture full electric, invece, sono esenti per cinque anni dalla tassa automobilistica.

Puglia

In Puglia l’esenzione dura per un primo periodo fisso e per i cinque anni successivi sulle auto ibride ad alimentazione elettrica/benzina o diesel/elettrica, ma anche sulle vetture metano o GPL.

Basilicata

La Basilicata prevede l’esenzione dal bollo auto per 5 anni per le macchine bifuel metano o GPL o ad alimentazione esclusiva a gas. In seguito, la tassa automobilistica viene diminuita del 75%, mentre non ci sono agevolazioni per le auto ibride.

Calabria

In Calabria sono solo le auto elettriche a godere dell’esenzione per i primi cinque anni, mentre per tutti gli altri veicoli non ci sono agevolazioni.

Sicilia

La Sicilia riconosce un’esenzione triennale per le auto ibride a doppia alimentazione benzina/elettrica e diesel/elettrica con tecnologia full hybrid e plug-in.

Sardegna

La Sardegna non prevede esenzioni per il bollo delle auto ibride, ma solo per le vetture elettriche, che non lo pagano per i primi cinque anni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Le auto ibride devono pagare il bollo?