Cos’è e a cosa serve un variatore di velocità

Ecco quali sono i requisiti del variatore di uno scooter, in che modo funziona e qual è il suo scopo

Quello che conosciamo come variatore è uno degli elementi meccanici più importanti di uno scooter, che ne permettono il funzionamento stesso. Si tratta di una tipologia di trasmissione, che è riuscita a sostituire il cambio meccanico a marce della moto. Per quanto riguarda la sua struttura, esso è formato da due pulegge a superfici coniche e in posizioni contrapposte l’una con l’altra, collegate da una cinghia il cui movimento è fondamentale e in grado di garantire infatti la variazione del rapporto di trasmissione. In questo meccanismo del variatore dello scooter infatti ci sono anche una molla, all’interno della puleggia, che serve per innestare le marce corte, e dei rulli che invece sono necessari al conducente per innestare le marce lunghe.

A cosa serve il variatore dello scooter?

Ma cerchiamo di capire qual è la funzione del variatore, a che cosa serve. Grazie a questo importante elemento meccanico dello scooter il rapporto di trasmissione viene cambiato in modo automatico. Il motore poi, attraverso la frizione centrifuga, si scollega in automatico dalla ruota nel momento stesso in cui il guidatore non dà più gas. Questo significa che il variatore serve per manovrare lo scooter con grande facilità, usando solo l’acceleratore e i freni. L’unica cosa che non consente di fare è modulare la potenza del motore.

Su quali tipologie di moto è possibile trovare il variatore?

Forse non tutti sanno di che cosa si tratta e a che cosa serve, anzi di sicuro la maggior parte delle persone che guida uno scooter non conosce l’esistenza del variatore, a meno che non sia un vero appassionato di motori o che lavori in un’officina. Come abbiamo già detto comunque il variatore è un tipo di trasmissione, e viene inserito principalmente sugli scooter, sui motorini in generale e sulle minimoto, e sostituisce il cambio meccanico a marce.

Come avviene la variazione del rapporto di trasmissione? Si verifica attraverso la variazione della circonferenza di rotolamento della cinghia sulle due pulegge a superfici coniche contrapposte (questi sono gli elementi che compongono il variatore stesso, come abbiamo detto in precedenza). La variazione di rapporti viene definita dalla molla che si trova nella puleggia stessa e dai rulli che sono situati nella puleggia motrice. A cosa serve in particolare questa molla? Il suo compito è quello di garantire il ritorno del sistema a uno stato di riduzione maggiore (marcia corta). E i rulli invece? Servono per un ruolo completamente opposto, e quindi allungare la marcia.

Cosa ha significato l’introduzione del variatore nel mondo motociclistico?

Il variatore è un importante elemento che ha creato uno stile di guida di moto e scooter completamente nuovo, molto semplice e soprattutto adatto a chiunque, sia alle persone che si mettono alla guida di una due ruote per la prima volta, sia agli adulti più esperti. Perché è così facile? Basta saper manovrare solo acceleratore e freni. È anche vero però che non si ha un perfetto controllo della trazione e della potenza del motore.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Cos’è e a cosa serve un variatore di velocità