Cosa succede se si viene bocciati due volte all’esame di guida o di teoria

Rispondiamo ad alcune delle domande e dei quesiti sull’esame per la patente dell’auto

Partiamo dalle basi: come funziona l’esame per prendere la patente. Ogni candidato deve superare una prova teorica (vero o falso) e in seguito un test pratico alla guida della macchina. Se si viene bocciati una o due volte all’esame però cosa succede? Ci sono dei costi aggiuntivi da sostenere?

Esame di patente B: come funziona

Innanzitutto, come abbiamo detto, la prima prova da superare è teorica, dopodiché il candidato può richiedere il foglio rosa (autorizzazione per esercitarsi alla guida) che vale sei mesi. Dopo un mese dal rilascio di questo documento, è già possibile fare l’esame pratico che serve per:

  • verificare la capacità di prepararsi a una guida sicura;
  • verificare l’abilità nelle manovre;
  • testare il comportamento nel traffico.

Se la prova pratica ha esito positivo, allora l’esaminatore consegna la patente B al candidato.

Cosa succede se si viene bocciati all’esame pratico di patente?

Nel caso in cui il conducente venga bocciato, allora può sostenere la prova per la seconda volta entro il termine di validità del foglio rosa (deve sempre far passare un mese dalla prima prova pratica), senza pagare alcun costo aggiuntivo. Chiaramente questo è possibile solo se si rientra nelle tempistiche, se si riesce a sostenere quindi il secondo esame prima della scadenza del foglio rosa e dopo appunto un mese dal primo esame non superato; è necessario chiedere il riporto dell’esame di teoria.

Cosa succede se invece si viene bocciati due volte all’esame pratico?

Se non si supera l’esame di pratica per la patente B per ben due volte o non si fa in tempo a sostenere la seconda prova prima della scadenza del foglio rosa, allora oggi si può richiedere una volta sola il riporto dell’esito positivo della teoria anche su una nuova pratica. Questo significa che il test teorico superato è valido per un’altra prova concessa al candidato di superare l’esame di guida (altri 6 mesi di foglio rosa con due tentativi a disposizione).

Attenzione: bisogna assolutamente presentare la richiesta di riporto dal giorno dopo della scadenza del precedente foglio rosa, entro il secondo mese. Eccezioni:

  • se il soggetto che deve sostenere l’esame ha fatto la prova pratica (bocciato) entro i sei mesi di validità del primo foglio rosa e non può fare una seconda prova per scadenza dei termini, può anticipare il riporto di teoria dal giorno successivo all’inserimento dell’esito negativo della prova di guida, ma non oltre 2 mesi dalla scadenza del primo foglio rosa;
  • se il candidato, entro i sei mesi di validità del primo foglio rosa, ha già fatto le due prove previste, allora può anticipare la richiesta di riporto dal giorno successivo all’inserimento dell’ultimo esito negativo e sempre non facendo passare più di 2 mesi dalla scadenza del primo foglio rosa.

I costi

La richiesta di riporto dell’esame di teoria, se si viene bocciati quindi due volte all’esame di pratica, deve essere fatta su modello TT 2112. I costi da sostenere sono:

  • 16 euro su c/c postale n. 4028;
  • 26,40 euro su c/c postale n. 9001.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Cosa succede se si viene bocciati due volte all’esame di guida o...