Ultimo fine settimana di controesodo: bollino rosso

Il controesodo dell'ultimo weekend di agosto sarà da bollino rosso da Nord a Sud, con milioni di italiani che si lasceranno alle spalle le vacanze estive

Ferie e vacanze agli sgoccioli per milioni di italiani che, nel corso dell’ultimo weekend di agosto, cominceranno a rientrare in città in vista del ritorno in ufficio. Dopo aver ricaricato le pile al mare o in montagna, il ritorno alla vita di ogni giorno potrebbe però essere molto stressante a causa del traffico previsto sulle strade italiane nelle prossime ore.

Come ogni estate, infatti, l’ultima settimana di agosto coincide anche con un controesodo da bollino rosso che potrebbe portare alla congestione delle principali arterie stradali e autostradali nelle prossime ore.

Controesodo di agosto, traffico da bollino rosso

I primi ingorghi e i primi disagi sono arrivati la scorsa settimana (ve ne avevamo parlato qui) e si sono rivisti nella giornata di ieri, venerdì 26 agosto 2022, ma il traffico non si fermerà di certo qui. Per le giornate di sabato 27 e domenica 28 agosto, infatti, è stato dichiarato il bollino rosso per il controesodo verso le grandi direttrici.

Le tratte principali interessate sono le arterie stradali e autostradali, in direzione delle regioni del Nord e verso i grandi centri urbani, ma anche per le ultime partenze in direzione delle località di villeggiatura, in particolare lungo le dorsali adriatica, tirrenica e jonica e ai valichi di confine in direzione di Francia, Slovenia e Croazia, e per i numerosi spostamenti locali.

Per chi ha intenzione di mettersi in viaggio nelle prossime ore, però, va ricordato che il picco di traffico sarà registrato nel pomeriggio di domenica, quando tra i rientri dalle vacanze e chi invece tornerà a casa dal weekend, strade e autostrade potrebbero bloccarsi sempre più.

Bollino rosso, le tratte interessate

Secondo quanto comunicato da Anas diversi saranno i tratti stradali e autostradali interessati da intenso traffico, come già avvenuto nell’esodo di Ferragosto. Nello specifico, queste potrebbero essere le tratte maggiormente trafficate:

  • A2 “Autostrada del Mediterraneo” che attraversa Campania, Basilicata e Calabria;
  • le statali 106 Jonica e 18 Tirrena Inferiore in Calabria;
  • le autostrade A19 Palermo-Catania e A29 Palermo-Mazara del Vallo in Sicilia;
  • la strada statale 131 Carlo Felice in Sardegna;
  • la strada statale 148 Pontina nel Lazio, arteria particolarmente trafficata che insieme alla SS7 “Appia” assicura i collegamenti tra Roma e le località turistiche del basso Lazio;
  • l’Itinerario E45 (SS675 e SS3 bis) che interessa Umbria, Toscana, Emilia Romagna e collega il nord est con il centro Italia;
  • le direttrici SS1 Aurelia (Lazio, Toscana e Liguria), SS16 Adriatica (Puglia, Molise, Abruzzo, Emilia-Romagna e Veneto).

Tra le strade che potrebbero subire rallentamenti a causa dell’intenso traffico ci sono anche i Raccordi Autostradali RA13 ed RA14 in Friuli-Venezia Giulia verso i valichi di confine, la SS36 “del Lago di Como e dello Spluga” in Lombardia, la SS45 di Val Trebbia in Liguria, la SS26 “della Valle D’Aosta” e la SS309 “Romea” tra Emilia-Romagna e Veneto e la SS 51 “di Alemagna” in Veneto.

Traffico? Come evitare di restare imbottigliati

Il weekend del 26-28 agosto 2022 si prospetta, quindi, come uno dei più difficili sulle strade italiane. Prima di mettersi in viaggio, però, è possibile monitorare lo stato del traffico sulla strada da percorrere sul sito della Cciss viaggiare informati o, in alternativa, chiedere informazioni al numero verde 1518, disponibile 24 ore su 24.