Come sostituire l’olio motore

Come sostituire l'olio motore per mantenere efficiente il propulsore, allungarne la vita, ridurre il consumo e l'inquinamento.

Per mantenere efficiente il motore del proprio veicolo e limitarne notevolmente l’usura è indispensabile sostituire l’olio lubrificante a intervalli regolari, stabiliti dal costruttore dell’auto. Con il passare dei chilometri l’olio motore perde il suo potere lubrificante e protettivo e mette gli organi meccanici in condizione di lavorare fuori parametro: è per questo che è necessario seguire le istruzioni del costruttore in fatto di manutenzione e non andare oltre le date o le tempistiche indicate dallo stesso. La durata del lubrificante è subordinata anche e soprattutto al proprio stile di guida e al tipo di percorso che andremo a frequentare maggiormente. Buona norma è quella di sostituire olio e filtro olio anche se non si raggiunge la percorrenza indicata, almeno una volta all’anno. Ricordiamoci infine di smaltirlo con le giuste modalità e di non disperderlo nell’ambiente in quanto è un potentissimo inquinante.

Preparativi per il cambio olio

Parcheggiamo il veicolo in una zona pianeggiante, dotiamoci di una bacinella che possa contenere minimo 5 litri e assicuriamoci che entri ed esca perfettamente senza alcun impedimento da sotto il nostro veicolo. Se possediamo un’auto di nuova concezione quasi sicuramente per accedere alla coppa dell’olio dovremo smontare una copertura in plastica che protegge dalla sporcizia il motore. Assicuriamoci di bloccare l’auto con il freno a mano, nel caso in cui è necessario sollevare il veicolo con il cric operiamo in sicurezza e dotiamoci di almeno un cavalletto di stazionamento, o meglio ancora aggiungiamo degli spessori sotto le ruote, come ad esempio delle tavole di legno tagliate a misura. Generalmente è necessario sollevare l’auto da un solo lato, più precisamente quello opposto al tappo della coppa dell’olio; l’operazione è necessaria per far defluire quanto più olio esausto possibile dal motore.

Tappo della coppa dell’olio

Prima di qualsiasi altra operazione assicuriamoci di avere la chiave adatta per svitare il tappo della coppa dell’olio e proviamo ad allentarlo, se la chiave è giusta e non riusciamo in alcun modo a “smollarlo” abbiamo un problema, nel qual caso è inutile tentare ulteriormente magari con il rischio di rovinarlo. Meglio rivolgersi ad un professionista e farlo sostituire in modo da non avere problemi al successivo cambio; abbiamo solo rimandato più avanti il fai da te. Molti tappi di scolo per l’olio esausto sono di tipo conico, non necessitano quindi di guarnizione, verifichiamo se il nostro ne è dotato, in tal caso procuriamocelo di ricambio in un qualsiasi negozio di autoricambi. Non è sempre necessario sostituire la rondella che fa da guarnizione, ma è meglio andare sul sicuro, soprattutto se siamo alle prime armi.

Il filtro dell’olio motore

Con il cambio dell’olio deve essere sostituito necessariamente anche il filtro dell’olio in quanto in esso vi si depositano innumerevoli particelle metalliche causate dallo sfregamento delle parti meccaniche, anche la combustione interna crea residui è per questo che il filtro deve essere sostituito regolarmente; il filtro aiuta il motore ad aumentare la propria durata e il proprio rendimento. Il filtro dell’olio è reperibile in un qualsiasi autoricambi ben fornito. E’ possibile svitare il filtro dell’olio in senso antiorario, per farlo di solito è necessaria una chiave a catena, prima di qualsiasi altra operazione assicuriamoci di essere in grado di smontarlo e che la chiave in nostro possesso faccia la corretta presa sullo stesso. Nel caso in cui non dovessimo riuscire a svitarlo è possibile utilizzare una chiave a pappagallo; l’operazione va effettuata con cautela e cognizione di causa. Prima di avvitare il filtro dell’olio è necessario lubrificare la sua guarnizione di tenuta, per fare questo è consigliabile spalmare con le dita una piccola quantità di olio che abbiamo comperato per il tagliando. L’operazione serve a non rovinare la guarnizione nel momento in cui andremo a stringere il nuovo filtro nella sua sede. Per stringere il filtro nella sua sede non è necessaria alcuna chiave, avvitiamolo a mano fino a quando è ben saldo senza esagerare, se l’operazione è andata a buon fine non avremo perdite e saremo in grado di svitarlo al successivo cambio senza problemi.

Come sostituire l’olio motore

Prima di aprire il tappo di scolo della coppa è necessario portare in temperatura il motore, magari facendo qualche commissione. Una volta fermi, con motore spento e adottate tutte le misure di sicurezza del caso, (senza scottarsi) si deve leggermente estrarre l’asta del controllo del livello dell’olio, smontare il tappo di immissione olio collocato all’interno del vano motore e svitare velocemente sia il tappo della coppa dell’olio che il filtro e recuperare tutto l’olio esausto all’interno di un catino o bacinella. Il passo successivo è quello di lasciar scolare tutto l’olio fino a quando dai due fori (coppa e sede filtro) non esce più nulla. Una volta scolato tutto l’olio esausto avvitiamo il tappo della coppa con una nuova guarnizione se necessario e il filtro dell’olio con le modalità sopra indicate.

Come rabboccare l’olio motore

Puliamo con della carta l’asta del controllo livello dell’olio e lasciamola leggermente sollevata dalla propria sede, nel mentre iniziamo lentamente a rabboccare con olio nuovo e specifico per il nostro veicolo attraverso l’apertura di immissione collocata nella parte superiore del motore. Facciamo delle pause in quanto l’olio per arrivare in coppa impiega del tempo e di tanto in tanto controlliamo il livello tramite l’asta. La giusta quantità di olio è compresa tra il minimo e il massimo dell’asta di controllo, non esageriamo altrimenti dovremo scolare l’olio in eccesso. Una volta raggiunto il livello suggerito dalla casa madre controlliamo che sia tutto serrato correttamente, avvitiamo il tappo di immissione olio e mettiamo in moto. La spia dell’olio sul cruscotto deve spegnersi dopo pochi secondi. Buona norma a questo punto è quella di portare in temperatura il motore, spegnere e verificare che non ci siano perdite. Nei giorni successivi andremo a controllare a motore rigorosamente freddo e con auto parcheggiata in piano il livello dell’olio e nel caso in cui fosse necessario andremo a rabboccare con la giusta quantità.

MOTORI Come sostituire l’olio motore