Come si deve guidare quando c’è nebbia: consigli

Guidare con la nebbia può essere pericoloso, in particolare quando si è inesperti alla guida di un auto. Ma con poche e semplici regole, non c'è da aver paura

Guidare con la nebbia è uno degli ostacoli più duri che un guidatore deve affrontare. Purtroppo la presenza di nebbia è un fatto normale, che si verifica soprattutto nei mesi invernali e in particolare nel nord Italia, dove i mesi di novembre e dicembre sono i più difficili, in quanto la nebbia può durare anche per 90 giorni. Come ogni ostacolo, però, anche la nebbia non deve far paura e può essere sconfitta, senza problemi, seguendo alcune regole e consigli molto semplici che saranno di grande aiuto sia per voi che per gli altri guidatori presenti in quella strada.

La prima regola da seguire è di non farsi prendere dal panico. Sono molti gli incidenti per la nebbia, ma evitarli è possibile e molto semplice. E’ facile che una persona, magari inesperta alla guida, possa agitarsi alla vista di un muro di nebbia che fa sentire isolati dal resto del mondo. I famosi “banchi di nebbia” per l’appunto sono delle vere e proprie barriere, che impediscono la chiara visuale della strada e la presenza di altri veicoli. Presente soprattutto nelle strade fuori dai centri abitati, si deve partire dal presupposto che a un certo punto la nebbia sparirà quasi completamente, permettendo di accelerare.

Importante è anche mantenere una velocità costante, stabilita per legge ai 50km/h. E’ sconsigliato frenare all’improvviso o accelerare e poi rallentare, perché così facendo si può rischiare di scontrarsi con un’auto o farsi tamponare. Un’altro consiglio importante è quello di non fermarsi sul ciglio della strada: nonostante la scarsa visibilità, è meglio procedere lungo la strada perché un’auto in sosta è più soggetta a incidenti. Naturalmente, questo non è valido se si ha l’auto in panne: in questo caso la cosa migliore è chiamare i soccorsi, indossando il grembiule che ogni veicolo dovrebbe avere a bordo.

I fari e i fendinebbia hanno il doppio scopo di vedere e farsi vedere. I fendinebbia anteriori illuminano la linea bianca che delimita il bordo della strada, in questo modo sarà impossibile invadere accidentalmente la corsia opposta. I fendinebbia posteriori invece sono di colore rosso e servono a segnalare la propria presenza ai veicoli in arrivo. Quando si nota un’auto a una piccola distanza dietro la propria, è sempre meglio spegnere i fendinebbia posteriori, perché la luce disturba la guida. Utilizzare gli abbaglianti invece non serve, illuminerebbe solamente la barriera di nebbia, senza ottimizzare la guida.

MOTORI Come si deve guidare quando c’è nebbia: consigli