Come riconoscere quando un’auto è diesel Euro 4

Molto spesso gli automobilisti non conoscono alla perfezione la propria auto, come capire se ha il filtro antiparticolato

Si parla sempre più spesso purtroppo dell’inquinamento dell’aria che respiriamo, in città ma non solo, e si cerca di capire quali sono le maggiori cause e come risolvere il problema, proponendo costantemente delle soluzioni per migliorare la qualità dell’aria.

Proprio in questi giorni abbiamo sentito parlare dell’aumento della concentrazione delle polveri sottili, i valori infatti sono saliti in maniera impressionante e alcune amministrazioni locali hanno deciso di limitare i danni obbligando i cittadini alle regole del blocco del traffico, limiti alla circolazione che purtroppo molto spesso hanno riguardato anche le auto più recenti.

Oggi non è così scontato conoscere alla perfezione tutte le componenti che si trovano nella propria auto. Per quanto riguarda quindi principalmente le persone che possiedono un motore diesel meno recente, ad esempio della categoria Euro 4, è normale non essere sicuri e quindi chiedersi se la propria vettura sia dotata del filtro antiparticolato oppure no. Ma c’è un segreto per scoprirlo, non è necessario andare dal meccanico per chiedere il parere professionale e nemmeno serve smontare a pezzi la propria macchina, basta semplicemente andare a leggere sul proprio libretto di circolazione.

Tra le varie informazioni e dati indicati nel documento e nelle varie sigle che lo distinguono c’è la Q che indica che l’auto è dotata del filtro antiparticolato. Detta così sembra un’operazione semplicissima, eppure il processo spesso non è proprio così immediato. Bisogna andare a controllare fino al rigo D1 oppure al K se sia presenta una sigla specifica, secondo la Direttiva 2003/76 CS-B e anche la dicitura ‘Euro 4 con disp. antiparticolato’.

Capita altre volte che la Direttiva venga riportata al di sotto dei dati che indicano le misure omologate delle gomme della vettura. I libretti delle auto più datate invece potrebbero addirittura mostrare solo un codice di omologazione, del tipo OEZAR03EST25, sempre sulle stesse righe che abbiamo già indicato. Se sul libretto compare solo questo codice allora bisogna avere un pochino in più di pazienza e andare a verificare su internet se quel codice corrisponde alla presenza del filtro antiparticolato sulla vettura in questione. Come abbiamo visto comunque è molto semplice capire se la propria vettura sia dotata di questo dispositivo, ognuno di noi può farlo a casa propria.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Come riconoscere quando un’auto è diesel Euro 4