Come igienizzare l’abitacolo della tua automobile

L’auto, a causa dei continui spostamenti e del trasporto di persone, che salgono e scendono continuamente, è particolarmente soggetta a riempirsi di sporcizia e materiali inquinanti.

Se pensiamo agli spostamenti continui che facciamo con la nostra automobile, alle strade polverose che attraversiamo, alle ore che passiamo tra lo smog e l’inquinamento rilasciati dai tubi di scarico nel traffico cittadino, allo sporco che ovviamente portiamo sotto i piedi quando scendiamo e risaliamo sulla vettura, ai corpi estranei che entrano quando viaggiamo con i finestrini aperti… ci rendiamo conto che, oltre ad essere super vissuta, quasi come una seconda casa viaggiante, la nostra auto è soggetta a riempirsi di qualsiasi tipo di materiale assolutamente non igienico.

A questo possiamo anche aggiungere i residui di pasti veloci consumati in macchina, durante la frenesia delle giornate lavorative, che non ci consentono nemmeno una decente pausa pranzo seduti ad un tavolo, a casa o in un locale; oppure i nostri figli o nipoti che fanno i capricci e, invece che aspettare di rincasare, mangiucchiano la merendina in macchina.

Se abbiamo poi degli animali domestici e li trasportiamo con la nostra auto, allora aggiungiamoci anche la sporcizia e il pelo lasciato dai nostri adorati amici a quattro zampe.

Insomma, racchiudendo tutto ciò, non è difficile pensare che la nostra auto sia uno degli ambienti più contaminati in cui ci capiti di vivere.

È proprio per tutte queste ragioni che è assolutamente consigliabile tenerla ben pulita e, periodicamente, effettuare anche l’igienizzazione dell’abitacolo con gli appositi prodotti che si possono trovare in commercio.

Prima di igienizzare è opportuno pulire in maniera più profonda possibile l’abitacolo, svuotandolo da tutto ciò che potrebbe essere d’intralcio, rimuovendo i tappetini e gli eventuali rivestimenti, per lavarli separatamente.

Consigliamo, inoltre, di togliere il filtro dell’aria dell’abitacolo e di rimetterlo al suo posto soltanto ad igienizzazione ultimata.

È necessario poi eliminare con l’aspirapolvere tutti i residui e lavare la tappezzeria e tutte le superfici rigide interne, seguendo un buon procedimento e tutti gli accorgimenti necessari per mantenere tessuti e colori intatti.

In questo modo avremo un’auto pulita a cui possiamo aggiungere una vera e propria igienizzazione, che necessita di una sanificazione anche delle bocchette dell’aria e dei relativi tubi che mettono in circolo aria fresca d’estate e aria calda d’inverno.

In commercio esiste uno spray igienizzante per pulire l’impianto di condizionamento: basta introdurre un tubicino attraverso le bocchette dell’aria e iniziare ad erogare il prodotto; puoi tirare poi fuori il tubicino in modo tale che la schiuma igienizzante rivesta tutta la superficie interna del tubo di condizionamento. La schiuma va fatta agire per il tempo indicato dal produttore e dopo che si è dissolta va acceso l’impianto di condizionamento.

Questo metodo è stato recentemente sostituito da uno più semplice ma non meno efficace. In commercio esistono oggi degli spray, con presidio medico chirurgico autorizzati dal Ministero della Salute, che possono essere spruzzati direttamente sulle superfici e che possiamo utilizzare per igienizzare contemporaneamente anche i tubi di condizionamento dell’aria.

Queste bombolette infatti sono dotate di una speciale valvola che, se premuta a fondo, rimane aperta e continua ad erogare lo spray fino al completo svuotamento del contenitore.

Il procedimento è il seguente:

  • chiudere i finestrini;
  • selezionare l’opzione di condizionamento che sfrutta solo il riciclo dell’aria interna all’abitacolo e non dall’esterno;
  • aprire tutte le bocchette dell’aria;
  • accendere il motore, mettere in folle e tirare il freno a mano, assicurandosi che l’auto non si possa muovere, visto che non rimarrai all’interno della tua vettura durante l’igienizzazione;
  • accendere il condizionatore con la ventola al massimo della potenza;
  • posizionare la bomboletta: collocala su una superficie stabile, al centro dell’abitacolo, premi a fondo la valvola che spruzzerà l’intero contenuto della confezione.

Ti raccomandiamo di uscire immediatamente dall’auto e chiudere la portiera. Guardando all’interno dal finestrino, vedrai lo spray uscire continuamente dalla bomboletta e distribuirsi uniformemente sulle superfici e sui condotti interni dell’impianto di condizionamento, grazie alla ventilazione portata al massimo.

A fine erogazione, lascia l’auto chiusa per una ventina di minuti, sempre con il condizionamento al massimo; poi apri e arieggia abbondantemente l’abitacolo prima di usarla nuovamente. Puoi anche rimontare il filtro aria abitacolo.

Fai questo trattamento almeno ogni sei mesi, l’ambiente interno della tua vettura si rivelerà decisamente più salubre.

MOTORI Come igienizzare l’abitacolo della tua automobile