Casco ed e-bike: cosa dice la legge e come viaggiare in sicurezza

Quando è necessario usare il casco per viaggiare con la bicicletta elettrica e cosa bisogna sapere

In Italia, secondo quanto prescritto dal Codice della Strada, per viaggiare con le biciclette elettriche non c’è l’obbligo del casco, obbligatorio (per qualsiasi bicicletta) solo per i bambini e i ragazzi fino a 14 anni. Poi si può scegliere se indossarlo oppure no, anche per quanto riguarda le biciclette a pedalata assistita.

Quando è obbligatorio il casco per e-bike

Nel Codice della Strada, per quanto riguarda le e-bike, viene fatta una distinzione tra due tipi di biciclette a pedalata assistita: le Pedelec e le S-Pedelec:

  • velocipedi a due o più ruote a propulsione muscolare, per mezzo di pedali (tra cui anche le bici a pedalata assistita);
  • vere e proprie biciclette a motore, senza l’uso dei pedali.

Per la seconda tipologia sono obbligatori il casco (abbiamo già visto tutto quello che c’è da sapere sui caschi moto), l’assicurazione, la targa, il patentino o patente AM e il certificato di circolazione. Per le e-bike a pedalata assistita invece il casco sopra i 14 anni non serve, perché vengono paragonate dalla normativa alle normalissime biciclette a pedali.

La normativa europea EN 14344

La EN014344 è la normativa europea di riferimento per i seggiolini per bambini (per bici), cosa c’è da sapere per quanto riguarda le e-bike?

Le biciclette a pedalata assistita sono considerate pari alle biciclette tradizionali (normativa europea 2002/24/CE). Montare il seggiolino bici sulla bici elettrica non presenta problemi, ma bisogna fare delle valutazioni importanti. I seggiolini nascono per l’utilizzo urbano, turistico e trekking moderato, non per mezzi che viaggiano a velocità elevata o su percorsi difficoltosi. Possono quindi essere installati sulle biciclette a pedalata assistita, ma bisogna moderare la velocità e usare maggiore prudenza quando si trasporta un bimbo su strada.

Come abbiamo visto in apertura invece, le e-bike con motore autonomo (che può funzionare anche senza pedalare), sono equiparabili per legge a un ciclomotore, quindi è vietato montare un seggiolino per bambini. Anche se non è prescritto dalla normativa vigente, è consigliabile l’uso di un caschetto omologato per bimbi.

Quali caratteristiche rendono sicuro il casco per e-bike

Il casco da bici è formato da:

  • calotta esterna, in genere in policarbonato (o fibra di carbonio), verniciata e protetta da uno strato di lucido, contro la corrosione da parte degli agenti atmosferici. È la parte più esterna e esteticamente più curata;
  • calotta interna, in poliuretano espanso o in schiumato, unita tramite saldatura alla calotta esterna. È la parte che rende sicuro il casco, deformandosi durante una caduta o un urto, in grado di assorbire l’energia cinetica sviluppata;
  • fissaggio posteriore, formato da una rotella che lavora su due segmenti graduati. Ruotandola è possibile avvicinare o allontanare i due segmenti, fissando bene il casco al capo;
  • cinturini, possono essere in gomma, in pelle o in cordura e permettono di fissare il casco e evitare che l’aria lo faccia scivolare dalla testa durante l’utilizzo (scalzamento).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Casco ed e-bike: cosa dice la legge e come viaggiare in sicurezza