Car Sharing: cos’è, come funziona, quanto costa

Tutto quello che c'è da sapere sul 'fenomeno' del car sharnig

Un fenomeno sempre più in espansione e al passo coi tempi: stiamo parlando del car sharing, il servizio che permette di prelevare un auto su prenotazione in un parcheggio, usarla e riconsegnarla – anche in un parcheggio anche diverso dal primo – pagando in base all’utilizzo

I VANTAGGI – Tanti i vantaggi del sistema: ad esempio, l’utente puà avere a disposizione un’auto solo per quando ne ha reale necessità, evitando tutti quei costi più o meno fissi (bollo, assicurazione, mantenimento, etc), mentre a livello urbano si riduce l’impatto dell’inquinamento e aumentano i posti liberi nei parcheggi. 

DOVE TROVARLO – Ormai il car sharing è un fenomeno diffuso in tutta italia e secondo i dati di icscarsharing.it, sito del Ministero dell’Ambiente, sono dodici le città dove si può usufruire del servizio: Bologna, Brescia, Firenze, Genova, Savona, Milano (hinterland compreso), Padova, Palermo, Parma, Roma, Torino, Venezia. Complessivamente sono invece seicento le auto, distribuite in oltre 440 parcheggi, a disposizione di un bacino di utenti quantificabile con circa 22mila tessere attive: se il numero di tessere sembra relativamente piccolo,ebn più impressionante è quello dei noleggi, che supera i cinque milioni annui

LE SOCIETA’ – Le principali società di car sharing sono Car2Go, Enjoy, Twist e DriveNow, cui vanno aggiunte alcune specializzate nell’elettrico, come e-vai e eq sharig, sfruttate soprattutto a Milano, la città dove il fenomeno è più diffuso. 

APP PER CAR SHARING – Peraltro affittare una macchina è operazione resa più facile negli ultimi tempi grazie alle sempre più numerose applicazioni per smartphone messe o sul punto di essere introdotte in commercio per tutti i sistemi, Android, iOS e Windows Phone. 

A QUALE PREZZO? – Mediamente i prezzi per l”affitto’ di un’auto sono di circa 0.25 euro al minuto ma si può optare in alcuni casi anche per tariffe giornaliere da 45 a 60 euro. In linea generale per approfittare del car sharing serve una tessera d’iscrizione che può esser gratuita (ma in questo c’è un costo fisso ad ogni noleggio) ma di solito costa tra i 20 e i 30 euro. Il tutto senza dimenticare le tante offerte e promozioni d’ogni tipo. 

LE AUTO DA CAR SHARING – Le macchine messe a disposizione nel car sharing sono in genere citycar o utilitarie come Smart o Fiat 500 ma in caso di necessità alcune aziende forniscono anche berline come la Giulietta e perfino veicoli commerciali come Doblò e Ducato.

Leggi anche:

MOTORI Car Sharing: cos’è, come funziona, quanto costa